Come pagare i fornitori

Sono così tante le funzioni introdotte nel tempo in Domustudio che è probabile che qualcuna scappi anche agli occhi degli utenti più accorti.

Dalle richieste di assistenza che ricevo è emerso più volte che una funzione poco conosciuta, nonostante la sua utilità, è lo scadenzario fatture fornitori (accessibile dal menu Strumenti > Scadenze fornitori).

Approfitto quindi di questo blog per rendere note le operazioni realizzabili con questo strumento … vediamole brevemente!

Per abitudine si può essere portati ad aprire esercizi chiusi per saldare movimenti registrati nelle gestioni precedenti. Un’operazione di questo tipo può però portare a grossolani errori evitabili se, invece di metter mano all’esercizio chiuso, si accede allo scadenzario fornitori.
Inoltre da questa finestra è possibile saldare più fatture contemporaneamente senza aprire un movimento alla volta e risparmiando così un sacco di tempo.

Tra i vari metodi di pagamento quello più utilizzato e più efficace è sicuramente il bonifico bancario, sempre da qui potrete esportare tutti i pagamenti in un file da inoltrare poi via home-banking alla banca che procederà al pagamento: niente più code allo sportello bancario!

Infine un’altra possibilità è quella di saldare parzialmente una fattura, quindi tutti i pagamenti dilazionati potranno essere tranquillamente gestiti.


Scarica e Prova Gratis Easyfatt - Il software di fatturazione più usato in Italia.



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Elena

Bilancia del 1981, giovanissima… oh cavoli siamo già nel 2015! Va beh… Approdo nel “Fantastico mondo di Danea” a giugno 2008. Qui mi dedico all’assistenza clienti ed ai corsi di formazione. ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress
2 commenti su “Come pagare i fornitori
  1. claudio scrive:

    mi da un’errore… codice SIA mancante, ho chiesto alla banca e alla posta ma non sanno cosa sia.. qualcuno può aiutarmi?

  2. Angelo scrive:

    Il codice SIA ti viene dato dalla banca quando apri un homebanking. Strano che quelli della banca non sappiano nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *