Come risparmiare sul riscaldamento

Come risparmiare sul riscaldamento a casa e lavoro? La guida pratica per non sprecare!

Come risparmiare sul riscaldamento è il cruccio di tante famiglie e imprese! Contenere i costi è fondamentale e con questa guida puoi farlo da subito!

Come risparmiare sul riscaldamento degli ambienti di casa e lavoro? Domanda da un milione di dollari alla quale è veramente difficile rispondere in modo semplice. Per farlo abbiamo raccolto in questa breve guida un sunto dei consigli pratici pensati apposta dai maggiori esperti del settore efficienza energetica ed ambientale: una serie di dritte per ridurre i costi delle bollette.

Stando alle indicazioni degli esperti, affinché sia possibile avere una resa energetica massimale, bisogna prima di tutto controllare fattori quali, ad esempio, l’isolamento dei muri, l’efficienza delle caldaie e la dispersione di calore degli infissi, prevedendo, se necessario, l’integrazione di soluzioni innovative eventualmente incentrate sulla progettazione e sull’ammodernamento degli impianti.

Oltre a questo, risulta poi assolutamente necessario avere delle piccole accortezze quotidiane, che andremo subito a riassumere di seguito per aiutarti ad ottenere un risparmio concreto già nell’immediato: atteggiamenti di routine da seguire alla lettera con l’obiettivo primario di tagliare i costi, senza troppo modificare le normali abitudini di tutti i giorni.

Quindi, come risparmiare sul riscaldamento?

break-voice

Imposta-regola la giusta temperatura a seconda dell’orario

Mentre di giorno è meglio restare su una temperatura media di 20°C (anche un solo grado in eccesso può causare un incremento dei consumi annuali pari al 7%), di notte bisognerebbe addirittura spegnere completamente il riscaldamento o, se certe stanze sono troppo fredde, mantenerlo sui 16°C. Un buon compromesso per evitare di dover cambiare di continuo il clima degli ambienti è quello di installare i cosiddetti cronotermostati, che permettono di gestire in automatico gli orari di accensione del riscaldamento e le temperature nei diversi locali (l’ideale è scegliere modelli dotati di impostazioni programmabili settimanalmente, così da poter differenziare senza problemi giorni feriali e festivi a seconda dell’effettiva permanenza).

break-voice

Installa termovalvole e sistemi di contabilizzazione

Le valvole termostatiche collegate direttamente ai radiatori consentono una corretta ripartizione del calore nelle varie stanze, a patto, però, che non vengano impostate sul loro valore massimale, perché, in questo caso, il rischio è di vanificarne del tutto la funzione. Discorso a parte, invece, va fatto per i sistemi di contabilizzazione utilizzati con gli impianti di riscaldamento centralizzato, che permettono di pagare in aggiunta alla quota fissa imposta dall’assemblea di condominio, solo il quantitativo di calore di cui si è davvero beneficiato. In merito ad entrambi i componenti (termovalvole e contabilizzatori), precisiamo che, secondo le nuove disposizioni introdotte a livello nazionale, a partire dal 31 dicembre 2016, dovranno essere installati in tutta la Penisola.

Approfondisci su: Obbligo valvole termostatiche e Condominio

break-voice

Gestisci al meglio la circolazione dell’aria

Se l’obiettivo primario è massimizzare l’efficienza energetica degli ambienti, bisogna gestire nel modo appropriato anche il ricambio dell’aria, spalancando ogni giorno le finestre per circa una decina di minuti (non di più perché altrimenti si raffreddano i muri) e limitando la presenza di spifferi-scambi termici con l’esterno.

break-voice

Controlla lo stato dei radiatori

I termosifoni, oltre a dover sempre risultare liberi da tende, coperture e mobiletti ad incasso che impediscono il corretto spurgo dell’aria, vanno anche dotati (se non già presenti) di apposite valvole di sfiato, la cui eventuale installazione, necessaria soprattutto per i modelli più vecchi ed eseguibile con costi assolutamente ridotti, consente un notevole aumento dei livelli di efficienza energetica.

break-voice

Presta attenzione al boiler

Onde evitare la possibilità di incorrere in eventuali dispersioni dell’acqua calda nelle tubature, è necessario installare il boiler in prossimità del punto di utilizzo e regolarlo a non più di 55°C. Altro consiglio efficace è quello di spegnerlo negli orari in cui non si adopera e di impostare la temperatura massima dell’acqua calda sanitaria a 45 gradi.

break-voice

Esegui la manutenzione periodica della caldaia

Affinché gli apparecchi per il riscaldamento funzionino come si deve, bisogna garantirgli nel tempo una manutenzione regolare eseguita direttamente da tecnici specializzati. Oltre a questo, si consiglia poi di far controllare i fumi della caldaia ogni due anni, garantendole quell’efficienza che le permetta di svolgere il proprio compito al meglio per almeno 10 anni consecutivi (attenzione: caldaie poco efficienti possono causare aumenti in bolletta maggiorati del 30%).

break-voice

Scegli il giusto fornitore di gas

Quando si parla di gas, il mercato propone diversi fornitori-piani tariffari selezionabili dal singolo in base alle effettive necessità ma, in presenza di impianti di riscaldamento centralizzato, i consumatori che non possono avere piena libertà di scelta, hanno comunque modo di gestire al meglio i propri consumi richiedendo all’Amministratore di condominio la stipula di un Contratto Servizio Energia che, tramite un apposito contatore di calore, consenta la stima e l’acquisto della sola energia effettivamente consumata.

Questi i nostri pratici consigli su come risparmiare sul riscaldamento che ti permetteranno, già nel breve periodo, di ottenere un risparmio considerevole nella bolletta: soluzioni e piccoli accorgimenti a cui prestare attenzione per massimizzare l’efficienza energetica e ridurre ai minimi termini qualsiasi genere di spreco.

photo credit: Todd Baker via photopin cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *