La gara dei due boscaioli

Un’affezionata cliente ci ha fatto un gradito omaggio inviandoci questa simpatica storiella da pubblicare nel blog.

C’erano due boscaioli che lavoravano duramente tutto il giorno. Avevano la stessa forza, la stessa ascia e la stessa volontà! Erano inoltre grandi amici e per questo a loro piaceva lavorare insieme.

Un giorno si recarono, come al solito, nel bosco e decisero di fare una gara a chi tagliava più velocemente due alberi delle stesse dimensioni di tronco. Quindi praticamente avrebbe vinto il più veloce.

Il primo cominciò di buona lena e prese un buon ritmo. Un colpo dietro l’altro, un colpo dietro l’altro era sicuro che avrebbe vinto la sfida! Il secondo invece, nonostante colpisse con la stessa forza e con lo stesso ritmo del primo si concedeva una pausa di 10 minuti ogni ora.

Vedendo che il secondo si concedeva tantissime pause il primo boscaiolo capì che sarebbe stato lui a vincere! Invece alla fine della giornata ebbe una sorpresa : nonostante si fosse impegnato a fondo era arrivato circa a metà del tronco mentre il secondo boscaiolo aveva già finito di tagliare.

A quel punto decise di chiedere spiegazioni! ”Ma come hai fatto a superarmi se ti concedevi una pausa ogni ora? Eppure ho lavorato duramente!”. E il secondo rispose : ”Amico mio, tu non mi hai visto ma in quei dieci minuti che mi prendevo di pausa ne approfittavo per affilare la mia ascia!!”.

E quindi il primo boscaiolo capì come avesse fatto il suo amico a superarlo.
Ogni tanto, durante un duro lavoro, è bene prendere una pausa per affilare i propri strumenti. Potrebbe essere una lettura, un corso, uno studio qualunque.
Il lavoro dei boscaioli è metaforico. Ricordati di affilare i tuoi strumenti ogni tanto! Incomincia con l’usare tutte le funzioni del tuo programma di gestione, lo hai già pagato.


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Petra

Sono nata a Padova nell’ultimo anno dei mitici e rivoluzionari anni 70. Faccio parte della vecchia guardia avendo visto nascere Danea Soft, ed entrando nel progetto, nel ‘95. Da allora la mia principale ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress
6 commenti su “La gara dei due boscaioli
  1. info scrive:

    Io credo che continuerò a fumare la mia solita cicca…

  2. Veramente molto molto bella… complimenti all’autore.
    CIAO!

  3. a quando il nuovo aggiornamento ? :-)
    ormai guardo il blog come se guardassi il giornale per scoprire le news :-)

  4. madde scrive:

    Voi siete uno dei miei strumenti. Come posso affilarvi, se non vi aggiornate?

    Personalizzare le stampe di tutti i bilanci, trasferire i movimenti, pubblicare su internet documenti diversi per rispettivi condòmini, gestire tutti i tipi di invio solleciti, contare su un servizio di postalizzazione migliore dell’attuale, fatturare direttamente con domustudio, backuppare i miei archivi in remoto, non litigare con gli arrotondamenti nel definire piano rate e ripartire spese personali, registrare movimenti in partita doppia, importare schemi report stampa da file personali di excel, impostare spese personali in preventivo al pari di altri conti, usare uno scanner per registrare automaticamente una fattura nei movimenti e conti, esportare ricevute versamento in word, richiamare tutte le RA pagate e non solo quelle in prossima scadenza, controlli avanzati per ricerca e diagnosi errori, stampare le ricevute con stampanti dymo, riduzione spese pagamento con riduzione provvisoria coefficienti tabelle, subentri con suddivisione spese per tutti gli esercizi aperti

    mi sa che voi vi fermate un po troppo spesso ad affilare le armi mentre noi si paga

  5. admin scrive:

    Speriamo che finalmente nel prossimo aggiornamento implementerete il calcolo del guadagno su tutti i documenti di un periodo!!!
    E comunque, metafora o no, per un programma del genere un aggiornamento ogni (ormai quasi) 4 mesi è un po’ poco…
    Aspettiamo fiduciosi.

  6. Asscond scrive:

    Benchè lo abbia scritto un miliardo di volte, l’utilizzo in uno studio senza poter condividere il medesimo archivio, è una limitazione enorme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *