La nuova Iva per Cassa

iva per cassaRisale al 2009 l’introduzione dell’Iva per cassa, ovvero la possibilità di versare l’imposta all’erario solo dopo l’avvenuto pagamento della fattura. Iva per cassa che presso le aziende non è mai veramente decollata, nonostante il notevole interesse suscitato al suo annuncio. Le ragioni sono molteplici. Innanzitutto la sua applicazione è limitata alle aziende con un giro d’affari inferiore a 200.000 Euro/anno, poi la gestione amministrativa non è semplice, potendo scegliere per ciascuna fattura emessa se farla rientrare o meno nell’Iva per cassa. In questo modo un’azienda che non applica l’Iva per cassa, ma riceve una fattura in tale regime, è obbligata a detrarre l’imposta di quella singola fattura con la liquidazione Iva successiva al pagamento, uscendo dagli usuali schemi operativi (basati sulla data del documento).

Finalmente con il DL n. 83 del 22 giugno 2012 viene perfezionata la norma, spostando il limite di applicazione alle aziende con giro d’affari inferiore ai 2 milioni di Euro/anno e introducendo semplificazioni amministrative. A partire dal primo dicembre 2012 ogni azienda (con giro d’affari entro il limite citato e non appartenente a categorie speciali, vedere norma) può scegliere se aderire o meno al regime di Iva per cassa. In caso di adesione, le fatture sia di vendita che di acquisto andranno gestite con tale criterio.

Le funzioni di gestione dell’Iva per cassa introdotte in Easyfatt nel 2009 restano valide anche con queste novità (l’attivazione avviene all’interno della fattura, nella linguetta “opzioni”). Poiché ora l’Iva per cassa diventa un regime “fisso” per l’azienda, potremo migliorare certi automatismi per agevolare il lavoro all’interno del programma, e lo faremo sicuramente a breve, con un apposito aggiornamento del software.

Riferimenti:


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Paolo

Responsabile sviluppo di Easyfatt. Patavino, classe ‘76. Il mio primo programma l’ho scritto sul Commodore 128 a 10 anni: [10 PRINT "MI CHIAMO PAOLO"] [20 GOTO 10]. L'anno dopo, domando alla maestra: ...