Split payment fino 2020: l'UE conferma la scissione dei pagamenti

Split payment fino 2020: l’UE conferma la scissione dei pagamenti

Lo split payment viene riconfermato e prolungato fino al 2020: tutto quello che c’è da sapere sulla scissione dei pagamenti

 

“Si tratta di una misura temporanea attraverso la quale l’Italia intende affrontare una frode dell’IVA molto specifica”.

Queste le parole usate 2 anni fa dalla Commissione UE che promuoveva lo Split Payment applicato ai fornitori della PA solo fino al 31 dicembre 2017 (senza possibilità di proroga alcuna).

Lo split payment è invece stato esteso in Italia fino al 30 giugno 2020: con questa decisione il Consiglio UE autorizza il nostro Paese, oltre che ad applicare il meccanismo della scissione dei pagamenti, anche a disporre che l’IVA dovuta per prestazioni di servizi e cessioni di beni a PA, società controllate da PA e società quotate in borsa incluse nell’indice Ftse Mib, venga versata dal compratore su un conto bloccato dall’amministrazione fiscale.

Dato che i fornitori rappresentano dei soggetti passivi, non hanno la possibilità di compensare l’IVA versata sull’acquisto di un certo bene-servizio con l’IVA percepita sulla vendita di un altro bene-servizio. Per tale motivo, questi stessi soggetti possono trovarsi in una perenne posizione creditoria, che li autorizza a dover chiedere il rimborso dell’IVA all’amministrazione fiscale. Ciò nonostante, però, l’Italia ha dimostrato che:

  • il nostro sistema dei rimborsi IVA è assolutamente efficiente;
  • e il periodo medio per i rimborsi dell’IVA corrisponde a massimo 3 mesi (o addirittura meno per i fornitori delle PA).

A fronte di quanto appena detto, dal punto di vista statale ci si aspetta che le nuove leggi controbilancino un possibile incremento nelle richieste di rimborso IVA. Per quanto concerne la deroga, essa è commisurata agli obiettivi prefissati, perché limitata nel tempo e limitata ai soli settori caratterizzati da evidenti problematiche di evasione fiscale. In aggiunta a ciò, la stessa deroga non porta l’eventualità che l’evasione dilaghi in altri settori e/o Stati dell’EU.

Da precisare poi il fatto che, grazie al DL num. 50/2017, la scissione dei pagamenti è stata estesa a quelle operazioni eseguite nei confronti delle strutture citate in precedenza (pubblica amministrazione, società gestite dalla pubblica amministrazione o società quotate in borsa e incluse nell’indice Ftse Mib della Borsa italiana) e ai compensi dei professionisti per operazioni svolte sempre verso la pubblica amministrazione.

Queste tutte le principali novità relative allo split payment: il meccanismo della scissione dei pagamenti applicabile nel nostro Paese fino a giugno 2020.


Scarica e Prova Gratis Easyfatt - Il software di fatturazione più usato in Italia.



Scarica e prova subito gratis Danea Easyfatt
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *