Seguire il flusso d'invio della fattura elettronica

 

Fasi che seguono all'invio allo SDI del file Xml della fattura:

  1. Controllo di validità ed eventuale scarto da parte di SDI. Se la fattura viene scartata in questa fase, è considerata come non emessa e può essere quindi corretta e reinviata.

  2. Memorizzazione della fattura nel cassetto fiscale del destinatario.

  3. Inoltro al recapito del destinatario tramite codice destinatario o Pec.

  4. (solo PA) Controllo da parte dell'ufficio PA ed eventuale scarto, con invio di notifica al mittente.

Lo stato di consegna di una fattura viene comunicato all'emittente tramite opportune notifiche o ricevute.

 

Verifica delle fatture inviate e ricevute di consegna

E' possibile visionare lo stato di invio osservando l'apposito link Fattura elettronica posto nella parte superiore della finestra del documento.

Lo stato di "inviata" sta a significare che la fattura è stata trasmessa correttamente allo SDI e quindi non è scartata.

Se, invece, la fattura viene "scartata", è come se non fosse mai stata emessa pertanto può essere reinviata dopo aver identificato e corretto i problemi che hanno causato lo scarto.

Puoi verificare e scaricare di più fatture inviate, con relativo stato e ricevute di consegna, dalla sezione Fatture elettr. > Inviate

 

I cambiamenti di STATO delle fatture elettroniche:

CARICATA
La fattura è appena stata trasmessa ad Agyo ed è in fase di elaborazione

INVIATO ALLO SDI
La fattura è stata elaborata e trasmessa allo SDI

SCARTATO + motivo...
Lo SDI ha scartato la fattura, si dovrà correggere l'errore e rifare l'invio

I successivi cambi di stato per le fatture inviate a:

Aziende e Consumatori

Pubblica Amministrazione

INVIATO AL CLIENTE

La fattura è stata consegnata all'indirizzo telematico del cliente (codice destinatario o Pec) oltre che nel suo cassetto fiscale.

 

INVIATO AL CLIENTE (cassetto fiscale)
La fattura è stata consegnata solo nel cassetto fiscale del cliente. La notifica di mancata consegna sta proprio ad indicare l'impossibilità di consegnare la fattura anche all'indirizzo telematico del cliente.

RICEVUTO DALLA PA
In attesa di accettazione dell'ufficio PA

 

NON RECAPITATO ALLA PA
La fattura non è stata recapitata.
Verificare tramite la "Notifica attestazione trasmissione" il motivo del mancato recapito **.

ACCETTATO DALLA PA
La PA ha accettato la fattura

RIFIUTATO DALLA PA
Emettere nota di credito a storno totale (verrà anch'essa rifiutata) e quindi effettuare l'invio di una nuova fattura corretta (vedere note a fondo pagina)

ACCETTATO DALLA PA (per decorrenza dei termini)
Sono trascorsi 15 giorni dal ricevimento della fattura e la PA non l'ha rifiutato, si considera quindi accettato

 

*) Gli stati di colore rosso o verde sono stati "finali", ovvero non ci saranno ulteriori cambi di stato.

**) Dalla sezione Fatture elettr. > Inviate > in corrispondenza della fattura non recapitata, clic sul link nella colonna "stato".

 

Accettazione della fattura

Una fattura che risulta accettata dallo SDI non può essere rifiutata dal destinatario. Nel caso in cui sia stata emessa ad un destinatario errato oppure il contenuto sia errato, bisognerà quindi procedere all'invio di una nota di credito.

Nel caso di invio alla PA, invece, la fattura si ritiene conforme e quindi accettata in due casi:

Mancata consegna

La fattura è correttamente emessa e depositata nel cassetto fiscale del cliente ma lo SDI non l'ha successivamente recapitata al suo recapito telematico (Codice Destinatario o Pec):  succede quando si inviano fatture al codice "0000000". Va informato il destinatario sul fatto che il documento è disponibile nella sua Area Riservata dell'Agenzia delle Entrate.
Per approfondimenti vedi anche: Fatture elettroniche non recapitate

 

Fatture scartate

I più frequenti motivi di scarto:

Cosa fare in caso di fattura scartata

Se una fattura viene scartata dallo SDI o rifiutata dalla PA, la fattura va riemessa mantenendo lo stesso numero e la stessa data (a meno che non sia stata scartata per "fattura duplicata").

In caso di altri errori che non comportano lo scarto della fattura, sarà necessario emettere nota di credito ed emettere una nuova fattura corretta.

In questo articolo del ns. blog descriviamo le varie azioni da intraprendere a seconda della situazione: cosa fare in caso di errata fatturazione elettronica.

 

Cosa fare in caso di fatture rifiutate dalla PA

Per le fatture indirizzate alla PA, l’ufficio PA destinatario della fattura potrebbe rifiutare un documento già accettato dallo SDI per vari motivi, ad esempio in presenza di errori nei codici CIG (Codice identificativo di gara) o CUP (Codice unico di Progetto). In questo caso la fattura viene comunque considerata "EMESSA" (vedere il principio di diritto n. 17 dell'AdE del 30/10/2020), pertanto andrebbe emessa una nota di credito a storno totale (che verrà anch'essa rifiutata) per poi emettere una nuova fattura corretta. Nota: prima del "chiarimento" dell'AdE era prassi riemettere la fattura corretta, mantenendo lo stesso numero e data documento mentre al momento non è chiaro se questo approccio possa essere ancora usato (evitando quindi di emettere una nota di credito).

 

Notifiche e ricevute

Vedi dettaglio di tutte le notifiche e ricevute.