Bolle doganali e acquisti extracomunitari

 

La registrazione di un acquisto di merce da paesi extra-UE presenta numerose complicazioni variabili a seconda del tipo di operazione fatta e dei servizi di supporto offerti dai trasportatori. Per questo tipo di operazioni Easyfatt non riesce a tenere contemporaneamente la gestione dei pagamenti ai fornitori, delle analisi sull'acquistato e la stampa del registro Iva acquisti. In fase di registrazione bisognerà perciò decidere se prediligere una corretta gestione di pagamenti e analisi oppure dell'Iva su acquisti.

 

I problemi sono dovuti al fatto che negli acquisti extra-UE, la dogana applica il cambio doganale, costi aggiuntivi (dazi) e costi presunti (nolo, assicurazione, etc.) per calcolare il "valore statistico" del prodotto, sul quale verrà poi calcolata l'imposta Iva. Si aggiunge l'ulteriore complicazione del versamento dell'Iva che viene (di norma) fatto dal trasportatore il quale lo inserisce poi nella propria fattura come costo escluso Iva.

 

Vediamo un esempio pratico:

 

Sistema 1 - Corretta gestione dell'Iva

In questo caso registriamo come fattura di acquisto la bolla doganale e non la fattura del fornitore.

 

La registrazione avrà come imponibile il valore "statistico" (140 Euro), in questo modo l'Iva verrà calcolata correttamente (28 Euro).

La registrazione della fattura del trasportatore sarà una normalissima registrazione nella quale il costo dell'Iva anticipata sarà inserito tramite un apposito codice Iva di esclusione (da creare preventivamente nella tabella Iva).

 

Come si può notare, con il "sistema 1" non riusciamo a gestire il pagamento del fornitore, così come ci ritroviamo con analisi degli acquisti non corrette in quanto l'Iva compare due volte: una nella bolla doganale registrata ed una nella fattura del trasportatore.

 

 

Sistema 2 - Corretta gestione dei pagamenti e delle analisi

Registriamo la fattura del fornitore con l'esatto importo da versare (100 Euro).

La registrazione della fattura del trasportatore sarà una normalissima registrazione nella quale il costo dell'Iva anticipata sarà inserito tramite un apposito codice Iva di esclusione (da creare preventivamente nella tabella Iva).

 

Come si può notare, con il "sistema 2" riusciamo a gestire perfettamente i pagamenti del fornitore e del trasportatore, così come ad avere dati corretti per le analisi, mentre non riusciamo ad avere una stampa corretta del registro Iva acquisti.