Caratteristiche generali del documento

 

Data

Leggi la guida sulla data ed i termini di invio delle fatture elettroniche.

 

Numerazione

Ogni documento è identificato dalla data e da un numero progressivo: questi dati vengono proposti automaticamente dal programma, ma l'utente può comunque modificarli. Il numero può essere seguito dal sezionale di numerazione ( /a, /b, /2012, etc.) per differenziare i documenti emessi, ad esempio per reparto, per venditore o per anno.

 

Inclusione

Se il documento è di tipo "includibile" (ad esempio un DDT che è includibile in una fattura), sotto al numero fattura viene data la possibilità di attivare o meno la spunta sulla possibilità di includere successivamente tale documento (in alcuni documenti ciò avviene applicando la spunta su Seguirà doc. di vendita, in altri tipi documento, non mettendo la spunta su Doc. annullato).

Se il documento può a sua volta includere all'interno righe di documenti precedentemente realizzati, è sufficiente premere il pulsante Includi doc (nel bordo inferiore della finestra). Per maggiori informazioni vedere le inclusioni.

 

Ritenuta d'acconto

Nei documenti di vendita, nelle parcelle o nei rapporti d'intervento è possibile applicare la ritenuta d'acconto: tale funzione può essere attivata nelle opzioni generali oppure tramite l'omonimo tasto presente nella finestra del documento.

 

Interpretare gli importi "totali"

Nella finestra di creazione di un documento esistono diversi valori, calcolati su quello che l'utente ha inserito nelle righe e nelle ritenute (la ritenuta d'acconto e la seconda ritenuta sono visualizzate solamente se l'azienda è soggetta a ritenuta d'acconto):

Le tabelle di supporto

Per agevolare la creazione dei documenti, i dati e le informazioni utilizzate più spesso possono essere prelevati da tabelle personalizzabili, come ad esempio le righe di commento, gli incaricati del trasporto, le note, ecc… L’utilizzo delle tabelle e l’accesso ai dati in esse contenuti permette di velocizzare l’inserimento delle voci più frequenti anche se non è assolutamente necessario ricorrere sempre all’uso dei dati in tabella. Se, per esempio, in un documento si deve inserire un incaricato del trasporto che non verrà più usato, basta digitarlo nell’apposita casellina del documento, senza andare a richiamare la specifica tabella per inserirlo.

Allo stesso modo, se vengono usate spesso delle righe di nota come ad esempio "uffici chiusi dal … al …", basta inserire nella tabella questa voce e, di volta in volta, modificarla con le date appropriate. La modifica non dovrà essere fatta all’interno della tabella, ma molto più semplicemente nella casella del documento e le variazioni non verranno estese al contenuto della tabella.