Anagrafica clienti e fornitori

Sezione Clienti / Fornitori

I clienti e i fornitori, comunemente chiamati anche anagrafiche, sono le voci alle quali viene associato ogni documento (fattura, preventivo, ddt, etc.). Ogni nominativo dell'anagrafica contiene dati essenziali come la ragione sociale, l'indirizzo, la partita Iva o il codice fiscale. Oltre a questi dati è possibile specificare ulteriori campi come il numero di telefono, l’indirizzo di e-mail, le condizioni commerciali, le annotazioni, ecc.. Un soggetto dell'anagrafica può essere cliente, fornitore o entrambe le tipologie. Nota: i fornitori sono utilizzabili solo con le versioni Professional ed Enterprise.

 

Suggerimento: per sfruttare appieno le potenzialità (ordinamenti, filtri, ricerche, raggruppamenti, ...) delle sezioni Clienti e Fornitori, consultare il capitolo lavorare con gli elenchi.

 

 

Creazione, modifica e cancellazione

Per creare, duplicare o cancellare un'anagrafica è sufficiente agire sugli appositi pulsanti posizionati sul bordo inferiore della finestra. Per effettuare modifiche, è sufficiente digitare le variazioni desiderate direttamente nei campi dell'anagrafica (sezione destra della finestra).

 

Il campo "codice"

Ad ogni voce dell'anagrafica si può (è opzionale) associare un codice di identificazione nell'apposito campo "codice". Il codice è unico, quindi non potranno esserci altre voci con lo stesso codice. L'uso del codice consente di ridurre al minimo gli errori quando ci si riferisce ad una voce della tabella. E' sicuramente più rapido e preciso riferirsi al cliente codice 1256 invece che al cliente "Bianchi Enrico", che può essere presente con altri omonimi in archivio.

Premere il pulsate a lato del campo "codice" per inserire un codice automatico progressivo. Maggiori informazioni sull'utilizzo dei codici.

Clienti e fornitori usano la stessa tipologia di codice, perciò non potranno esistere un cliente e un fornitore con identico codice (es: se si inserisce progressivamente il cliente 780, poi s'inserisce un fornitore, quest'ultimo avrà il codice successivo, cioè 781).

 

Il campo "denominazione"

La denominazione può essere usata per indicare la ragione sociale della ditta, oppure, se si tratta di un privato, il cognome-nome.

 

I campi liberi

Si tratta di sei campi di libero utilizzo dove memorizzare dati non previsti dal programma (ad esempio la "qualità" di un cliente, oppure la zona, l'agente, etc.). I nomi dei campi "libero 1", "libero 2", etc., possono essere cambiati tramite le opzioni.

 

Il campo "e-mail"

E' possibile specificare anche più indirizzi e-mail separandoli con una virgola (es.: "pippo@tin.it, pluto@alice.it, paperino@libero.it"). Quando si invierà una e-mail a questo destinatario, verrà inviata automaticamente a tutti i destinatari inseriti.

 

Stampa scheda anagrafica

Premere Stampa (posizionato nel bordo inferiore della finestra) e scegliere Scheda cliente (o Scheda fornitore) per stampare una scheda completa dell'anagrafica correntemente selezionata. Per stampare le schede di più anagrafiche, inviare la stampa dopo aver effettuato una loro selezione.

 

Stampa elenco anagrafiche

Per stampare un elenco (ad esempio una rubrica) delle anagrafiche visualizzate, premere Stampa (posizionato nel bordo inferiore della finestra) e scegliere Elenco. L'ordine di stampa sarà identico a quello già impostato nella visualizzazione. Per stampare un elenco con una parte di tutte le anagrafiche, inviare la stampa solo dopo aver effettuato una selezione di quelle desiderate.

 

Documenti collegati all'anagrafica

Per accedere ai documenti precedentemente creati per l'anagrafica corrente, premere il pulsante Elenco doc e scegliere il tipo di documento desiderato: si entrerà direttamente alla sezione dei documenti con il filtro impostato sull'anagrafica corrente.

 

Scadenzario pagamenti collegati all'anagrafica

Per accedere all'elenco dello scadenzario pagamenti (sia per pagamenti eseguiti, non eseguiti, scaduti o da scadere) dell'anagrafica corrente, premere il pulsante Pagamenti posizionato nel bordo inferiore della finestra.

 

Il campo "Aliquota Iva"

E' possibile specificare un codice Iva predefinito per un soggetto, utile in particolare nel caso di soggetti esteri o soggetti a lettera d'intento. Attenzione però che, nel caso si inserisca in fattura un prodotto con imposta allo 0%, tale imposta avrà comunque la prevalenza sull'aliquota Iva del soggetto (se ad esempio si crea un prodotto "Bollo in fattura" con IVA "Fuori campo", questo prodotto verrà inserito in fattura come "Fuori campo" anche se il soggetto ha un'Aliquota Iva "Non imponibile").