Essere multitasking fa bene? Le ricerche dicono NO

Essere multitasking fa bene? Le ricerche dicono NO

I professionisti sono alla continua ricerca di nuovi metodi per aumentare la produttività in ambito lavorativo. Il multitasking, però, sembra essere la strada sbagliata: sfatiamo alcuni miti a riguardo

Essere o non essere multitasking per aumentare la produttività? Questo è il dilemma di molti professionisti, ma sicuramente non della scienza che, sulla base di svariati studi, spiega quanto dannoso sia a livello professionale fare più cose contemporaneamente. Anche se il fatto di spedire SMS mentre si parla con un’altra persona o di leggere le mail nel bel mezzo di una riunione fa pensare di guadagnare tempo, secondo uno studio riportato nel Journal of Experimental Psychology, chi svolge più azioni insieme riduce il proprio rendimento.

Opinione condivisa e avvalorata anche dal rapporto redatto da un Istituto di Psichiatria in collaborazione con BBC News, dove si spiega quanto siano nocivi gli effetti del multitasking, soprattutto in un’era come la nostra, in cui buona parte della popolazione dipende fortemente dalla tecnologia: per i responsabili dell’indagine, questa sorta di “infomania” dilagante che interessa un numero di persone in continua crescita, rischia a lungo andare di provocare una riduzione di 10 punti nel QI dei soggetti interessati.

Nonostante si possa credere che, abituandosi a eseguire diverse attività nello stesso momento, migliorino di conseguenza le performance individuali, una recente ricerca della National Academy of Sciences sostiene l’esatto contrario: chiunque si ostini a massimizzare la produttività cercando di fare più cose contemporaneamente (nella speranza di trarre vantaggi dalla pratica), oltre a diminuire in modo notevole la resa personale e professionale, perde concentrazione ed è maggiormente predisposto all’errore.

break-voice

Effetti in ambito professionale del multitasking

Ma a livello aziendale su quali aspetti influisce negativamente il multitasking?

  • qualità del lavoro: eseguendo due attività per volta non si dedica la giusta attenzione né all’una né all’altra e si rischia di commettere degli sbagli;
  • attenzione: gestendo diversi compiti insieme si è più distratti e meno attenti ai dettagli;
  • produttività: dedicandosi a mansioni differenti nello stesso momento si risulta meno efficienti dal punto di vista delle prestazioni.

break-voice

Aumentare la produttività evitando il multitasking

Visto che, stando a quanto dice la scienza, fare più cose contemporaneamente è sbagliato, cerchiamo allora di capire come massimizzare le performance e ottimizzare il tempo a disposizione evitando il multitasking.

break-voice

#1- Organizzare la giornata

Di prima mattina scrivere su un foglio la propria lista di priorità, ricordandosi di riservare le prime posizioni alle attività più urgenti e stabilendo per ogni punto una periodo di esecuzione (rispettando le scadenze auto-imposte si evitano ritardi e lamentele dei clienti).

break-voice

#2- Limitare il tempo dedicato alla lettura delle email

Invece di rispondere a tutte le email appena arrivano nella casella di posta elettronica, dedicare solo due frangenti al giorno (uno di mattina e uno di pomeriggio) alla gestione di tali messaggi: in questo modo si evitano le continue perdite di concentrazione e si riesce a soddisfare ogni richiesta in tempistiche ragionevoli.

break-voice

#3- Evitare di accedere a siti web di svago e distrazione

Considerando il fatto che l’83% dei professionisti non riesce a limitare il tempo trascorso all’interno di Social Network, blog e altri siti del genere, onde evitare un inutile spreco di ore preziose, è opportuno installare nel proprio computer delle applicazioni che bloccano l’accesso a tali piattaforme, così da poter dedicare l’intera giornata alle questioni lavorative.

break-voice

#4- Fare delle pause ogni 90 minuti

Di recente si è scoperto che il modo più efficace per ottenere risultati in ambito professionale, è quello di fare delle brevi pause ogni 90 minuti: un’ora e mezza di attività seguita da un piccolo break garantirebbe infatti il giusto compromesso per mantenere elevati i livelli di concentrazione.

Queste le recenti considerazioni della scienza sul multitasking: una pratica molto diffusa da limitare il più possibile per stimolare la produttività.

Leggi anche: Project management: 6 dritte per produttività e profitti maggiori

Photo credit: Ally Maurocc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *