SCOPRI I NOSTRI GESTIONALI

Email marketing per il negozio: mini-guida per iniziare col piede giusto

Email marketing per il negozio: mini-guida per iniziare col piede giusto

Se sfruttato bene, l’email marketing resta uno strumento efficace per la maggior parte dei business: 8 linee guida per sviluppare una perfetta strategia di email marketing

 

Nonostante la crescente predominanza dei Social Media, l’email marketing resta uno tra i più efficaci strumenti di marketing per il negozio come per buona parte dei business. È infatti un ottimo canale per mantenersi in contatto con i clienti, ma come utilizzarlo anche per incrementare le vendite? Ecco una breve guida per scoprire come farlo.

Partiamo dal presupposto che ogni tuo cliente abbia almeno un indirizzo di posta elettronica. Un account di posta elettronica è, in genere, come un diamante: Per sempre. La gente può cambiare casa e indirizzo fisico, può cambiare numero di telefono ma, in linea di massima, una volta che ha un indirizzo di posta elettronica continua a utilizzarlo per tutta la vita. È quindi il sistema di contatto più affidabile che ci sia.

Ed è il migliore mezzo per creare e mantenere un rapporto con il cliente, in quanto, se utilizzata nel modo giusto, può aiutarti in molti aspetti utili alla tua attività:

  • aumentare le vendite
  • ottimizzare le conversioni ottenute dai tuoi contatti
  • raggiungere nuovi clienti
  • incrementare l’engagement del tuo brand
  • fidelizzare i clienti

Ecco 8 dritte per creare una perfetta strategia di email marketing. L’importante, però, è avere ben chiari fin subito gli obiettivi di marketing che si vogliono raggiungere. A quel punto, si può iniziare a pensare a questi punti chiave:

Definisci il giusto tone of voice

Quale deve essere la percezione del tuo business da parte dei clienti? Seria e impostata, informale, autoritaria, accattivante?

Le email ti permettono di settare un tono che i tuo clienti possano immediatamente riconoscere e identificare. Fai molta attenzione a questo aspetto determinante.

Ottieni la fiducia dei clienti

Le persone stanno attente a come e dove spendono i propri soldi, e hanno bisogno di sicurezza e affidabilità. Ognuno di noi riceve ogni giorno decine di email, ma quante vengono lette o anche soltanto aperte? Non puoi permetterti che le tue email finiscano nella cartella dello Spam, stando prima di tutto bene attento a rispettare la privacy e a non sottovalutare gli obblighi legali:

  • Affidati esclusivamente ad un opt-in email marketing. Devono essere i clienti a decidere di lasciarti i loro dati sapendo in che modo li utilizzerai.
  • Semplifica al massimo le procedure per revocare l’iscrizione alla mailing list. Il cliente ha il diritto di cambiare idea. Dimostragli che ne sei consapevole e che rispetti la sua scelta.
  • Descrivi e spiega nel modo più chiaro possibile quali vantaggi comporterà l’iscrizione. Un coupon di sconto? Un contenuto esclusivo? La possibilità di accedere a servizi o offerte riservate?
  • Lascia ai clienti la possibilità di scegliere il tipo di informazione e la frequenza con cui la riceveranno. Decideranno in base ai loro interessi, e apprezzeranno di avere questa possibilità di controllo.
  • Non esagerare con la frequenza di invio delle tue email. Un conto è creare e mantenere il giusto engagement, un altro è annoiare. La maggior parte degli utenti decide di disiscriversi ad una newsletter proprio a causa delle troppe email ricevute. Permettere ai clienti di scegliere ed eventualmente modificare la frequenza delle tue comunicazioni ridurrà preventivamente la possibilità che decidano di rifiutare definitivamente le tue newsletter.

Offri contenuti interessanti

Devi conoscere bene il pubblico a cui ti rivolgi, ed essere certo di inviare solo ed esclusivamente comunicazioni che possano interessarlo. Può essere utile segmentare la tua mailing list, suddividendola in liste più piccole e targetizzate più dettagliatamente. In questo modo le tue newsletter saranno più mirate e, di conseguenza, più efficaci.

Integra le email con altri media

L’email marketing è più efficace se viene combinato con altri media di comunicazione, come un sito web aggiornato regolarmente – magari con una sezione blog – e i tuoi canali social media.

Coordinando le diverse piattaforme e utilizzando sistemi di promozione (Facebook Ads, Google Ads…) potrai incrementare l’efficacia del tuo email marketing.

Misura e ottimizza

Le email possono essere tracciate e monitorate, puoi vedere facilmente se e quando vengono ricevute e aperte. Usando strumenti come Google Analytics o Facebook Analytics puoi capire come i tuoi clienti reagiscono alle tue email, quali azioni compiono e con quali tempi. Tutte queste informazioni ti aiuteranno a dettagliare ed a ottimizzare ulteriormente la tua strategia.

Traccia ogni email

È fondamentale capire quali email funzionano e quali no. Ecco le metriche che devi utilizzare per capirlo:

  • numero di email inviate;
  • numero di email consegnate;
  • percentuale delle email consegnate;
  • numero di email non consegnate;
  • numero di email consegnate ma non ancora aperte;
  • numero di email consegnate e aperte;
  • percentuale delle email aperte;
  • numero di click ottenuti;
  • Percentuale dei click ottenuti (CTR);
  • numero di richieste di disiscrizione;

Chiedi un feedback ai tuoi clienti

Chiedere ai tuoi clienti di darti un loro feedback li farà sentire più coinvolti e ti aiuterà ad ottimizzare la tua strategia di marketing.

Analizza i risultati e agisci di conseguenza

Quali sono i segmenti di pubblico da cui ottieni i migliori risultati? Quale oggetto della mail e quale Call To Action hanno avuto più successo? Quali sono gli orari della giornata e i giorni della settimana in cui il pubblico è più reattivo? Modifica la tua strategia in base alle risposte a queste domande per incrementare le conversioni del tuo business.

Una volta definita e ottimizzata la tua strategia, è il momento di occuparti dei dettagli pratici.

Come essere sicuro che le tue email vengano lette

Se ti limiti a inviare email senza pensare attentamente al loro contenuto, rischi che il tuo pubblico le ignori o le cancelli senza neppure aprirle. Assicurati di non trascurare nessuna di queste regole per inviare email di qualità:

Personalizza le tue newsletter

Le tue email devono includere il nome esatto di ogni singolo destinatario. Qualunque software di email marketing ti consente di farlo. Questo ti aiuterà a rassicurare i tuoi clienti sul fatto che si tratta di una comunicazione dedicata specificatamente a loro e dimostrerà che sei attento anche a piccoli ma importanti dettagli.

Coccola i tuoi clienti migliori

Tieni una sorta di classifica dei clienti più fidelizzati e profittevoli per i tuo business, e premiali con offerte personalizzate o presentando in esclusiva alcuni nuovi prodotti per testare la loro reazione.

Targetizza le tue email in base ai comportamenti

Personalizza la tua comunicazione in base ai dati demografici e alle abitudini del tuo pubblico di riferimento. Età, genere, lifestyle, interessi sono tutti aspetti molto importanti da considerare. Per profilare il tuo pubblico in modo ancora più efficace, puoi utilizzare l’analisi RFM (Recency, Frequency, Monetary), una tecnica statistica predittiva di segmentazione della tua audience, che ti permette di associare un punteggio ai clienti sulla base di tre parametri:

  • Recency: è la metrica che ti dice quand’è l’ultima volta che l’utente ha acquistato sul tuo sito;
  • Frequency: ti dice quanto spesso l’utente acquista;
  • Monetary: qual è la spesa media dell’utente nel periodo di riferimento.

I clienti migliori sono naturalmente quelli che hanno punteggi RFM più alti.

Imposta l’oggetto migliore per la tua email e verificalo con un A/B test

L’oggetto costituisce l’esca grazie alla quale l’utente deciderà se aprire o meno la tua email. Non dovrebbe superare i 60 caratteri e dovrebbe contenere alcune parole chiave come ad esempio “tuo”, “per te”, “esclusivo”, “extra”, “tempo limitato”, tanto per citare alcune tra le più usate. Quasi tutti i client DEM ti permettono di testare l’efficacia dell’oggetto delle tue mail utilizzando A/B test e fornendoti le percentuali di apertura delle email inviate.

Utilizza un linguaggio informale e amichevole

Controlla sempre che i contenuti siano scritti in Italiano corretto e non contengano refusi. La forma, in una comunicazione basata sulla lettura, è importante tanto quanto la sostanza. Evita le forme gergali e l’eccesso di tecnicismi, utilizza frasi brevi che vadano dritte al punto.

Non utilizzare un linguaggio eccessivamente “markettaro” e non essere troppo insistente nel richiedere una CTA, molte persone possono trovarlo respingente. Preferisci formule più morbide per spingere ad una azione, ad esempio utilizzando al posto di un bottone COMPRA ORA! Una formula più morbida come Scopri di più’.

Sfrutta il calendario per scegliere quando inviare le tue email

Puoi utilizzare il calendario per individuare alcune date strategiche, giorni o periodi particolarmente rilevanti per le tue comunicazioni promozionali. Natale, San Valentino, Ferragosto, i periodi dei tradizionali Saldi di stagione o il Black Friday sono momenti assolutamente imperdibili per qualunque tipo di attività commerciale. Ma molti retailers calendarizzano le proprie email anche su alcune date fisse, come l’11 di ogni mese, momento in cui i clienti hanno appena ricevuto le proprie retribuzioni e possono essere maggiormente propensi ad effettuare acquisti.

Assicurati che i tuoi contenuti siano ben leggibili e fruibili anche sui dispositivi mobili

Ormai tutti ricevono e consultano abitualmente la posta elettronica da un dispositivo mobile.

Devi essere sempre sicuro che il layout delle tue email sia perfettamente responsive e adattabile a qualunque tipo di schermo, e che lo siano le eventuali landing page e optin-page a cui rimandano le tue Call To Action. Le informazioni di tracciamento ottenute da Google o Facebook Analytics, e i report statistici ottenuti dal tuo Email Marketing Client (MailUp, MailChimp, ecc) ti forniranno una panoramica completa sui dispositivi utilizzati dai tuoi clienti.

Considera l’email Marketing parte integrante del tuo business

L’attività di DEM dovrebbe essere considerata come una attività regolare e costante, e non un qualcosa che può essere fatto saltuariamente. Ecco alcuni modi per utilizzare il Direct Email Marketing con successo:

  • Quando un cliente effettua un ordine, inviagli una email di conferma, in cui lo aggiorni sullo stato e le modalità della spedizione. Puoi anche approfittare per segnalargli alcuni prodotti che, in base all’acquisto effettuato, potrebbero interessargli (es. ha acquistato una giacca tecnica da montagna? Proponigli delle scarpe da trekking).
  • Se tra i dati dei tuoi clienti hai anche la loro data di nascita puoi inviare delle email in corrispondenza del loro compleanno, includendo un coupon o una offerta speciale. Anche la data in cui il cliente si è registrato al tuo sito o l’anniversario del suo primo acquisito possono essere utilizzate per email mirate e personalizzate.
  • Se ti accorgi che un tuo cliente ha da tempo uno o più articoli nel carrello di spesa ma non ha ancora finalizzato l’acquisto, inviagli una email che lo incentivi a concludere l’operazione. Segnalare che la disponibilità dell’articolo è limitata o offrire un prezzo scontato ti aiuterà a fargli terminare l’ordine.
  • L’email marketing funziona meglio quando sia il mittente che il ricevente ottengono un mutuo vantaggio. In qualità di mittente il tuo obiettivo è quello di incrementare le vendite e di conseguenza i profitti, e il modo migliore per farlo e offrire ai clienti ciò che vogliono davvero. Invia email ben scritte e ben presentate, targetizzate su di una attenta profilazione del tuo pubblico e che siano in grado di veicolare contenuti di valore. Sconti, offerte speciali e proposte di acquisto personalizzate incentiveranno i tuoi clienti a comprare dal tuo sito.

Se impostato e gestito nel modo giusto, l’email marketing ti aiuterà a convertire le visite in ordini, a fidelizzare i clienti acquisiti e a conquistarne di nuovi, utilizzando uno strumento di facile gestione e, in genere almeno per le le piccole e medie imprese, gratuito.

Stefano

Dal 2001 scrivo per siti internet e blog (passando per quelle che una volta erano le webzine, le community, ecc ecc). Lavoro in proprio come freelance e collaboro con diverse agenzie di comunicazione e ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress