I pagamenti elettronici, dati Italiani in continua crescita, ma…

I pagamenti elettronici, dati Italiani in continua crescita, ma lentamente

Il report dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce mostra la sempre maggiore diffusione dei Pagamenti Elettronici in Italia

In Italia i pagamenti elettronici e tramite mobile POS registrano tassi di crescita a doppia cifra: questo il risultato di un report stilato dall’Osservatorio Mobile Payment & Commerce, da cui si evidenzia come la popolazione della Penisola si dimostri sempre meglio disposta nei confronti della moneta digitale.

Anche se un recente rapporto prodotto dal Politecnico di Milano denota una sorta di arretratezza nei nostri sistemi e nonostante il contante continui a rappresentare a tutti gli effetti lo strumento più sfruttato dai buyers, tra il 2014 e il 2015 gli e-commerce e i dispositivi mobili hanno incrementato l’utilizzo dei digital payments di 12,2 punti percentuali.

Inoltre, secondo il Direttore dell’Osservatorio, l’intensificazione dei pagamenti elettronici e da mobile POS con carta riscontrata soprattutto negli ultimi due anni è stata talmente elevata da aver superato addirittura i livelli europei, registrando in Italia un +10,2% nel 2014 e un +12,2% nel 2015 contro il +7/8% del Continente.

Situazione che per lo stesso Direttore dipende in primis dalla presenza nel nostro Paese di un cambiamento culturale, capace di modificare le abitudini e gli atteggiamenti dei consumatori. Una vera e propria evoluzione dettata dalla necessità di abbracciare il progresso e gli indiscutibili benefici da esso derivanti.

Pur considerando il terreno da recuperare rispetto alle altre Nazioni UE e un lieve calo nel numero dei dispositivi POS circolanti (a causa di una dismissione di terminali datati, censiti ma non operativi), se la diffusione dei pagamenti elettronici nella Penisola procede con i tassi di crescita odierni, si ipotizza che le transazioni con carta passeranno dai 175 miliardi di euro attuali a circa 246 miliardi di euro entro l’anno 2018.

break-voice

Fattori trainanti la crescita dei Pagamenti Elettronici

I dati ricavati dimostrano che oggi l’e-Payment è cresciuto del 20% raggiungendo quota 3 miliardi di euro, di cui:

  • il 55% riguarda pagamenti verso la Pubblica Amministrazione (tasse, e multe) o di Utility (bollette), +50% rispetto al 2014;
  • il 30% è associato alle ricariche dei conti gioco adoperate online (-5% rispetto al 2014);
  • il 15% è imputabile alle ricariche telefoniche acquistate via web.

Oltre a ciò va poi precisato sia il fatto che (allo stato attuale dei fatti) le transazioni da Home Banking per bolli auto, bollettini, RAV, MAV o F24 superano i 30 miliardi di euro, sia anche che i pagamenti digitali alla PA dovrebbero raddoppiare entro il 2018, arrivando a toccare cifre comprese tra i 5 e i 7 miliardi di euro.

Una parentesi a parte va poi fatta anche per il Mobile Remote Commerce, dove i settori principali risultano essere il turismo, l’abbigliamento, il couponing e il ticketing. Nel Mobile Remote Payment di beni e servizi si denota una crescita del 75% (oltre 300 milioni di euro) legata alla diffusione di pagamenti per ricariche e bollettini o servizi come il car sharing.


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Scopri subito l'offerta dedicata ai clienti Easyfatt
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *