Bonifico SEPA e SEPA direct debit

Bonifico SEPA e SEPA direct debit: a che punto siamo e il futuro dell’Area Unica dei Pagamenti in Euro

Le nuove regole su bonifico SEPA e SEPA direct debit

Come da disposizioni del Regolamento EU n. 260/2012 SEPA, lo scorso 1 agosto sono ufficialmente entrate in vigore le nuove regole su bonifico SEPA (SCT) e su addebito diretto (SDD) proposte alle nazioni dell’Eurozona dalla Commissione Europea e dalla Banca Centrale.

Un lungo percorso ricco di ostacoli volto, oltre che a stimolare l’innovazione ed a ridurre le spese transazionali previste per le operazioni cross-border, anche a generare un sistema integrato di circolazione della moneta unica senza barriere per i pagamenti elettronici tra i Paesi comunitari.

I principali cambiamenti apportati dalla recente normativa, che riguardano in primo luogo la sostituzione di bonifici nazionali ed addebiti diretti rispettivamente con gli strumenti di pagamento europei SEPA Credit Transfer (SCT) e SEPA Direct Debit (SDD), nel dettaglio prevedono:

  • la parificazione delle commissioni tra pagamenti transfrontalieri e domestici;

  • la soppressione delle commissioni interbancarie multilaterali sugli addebiti diretti;

  • la cancellazione dell’obbligo fornitura BIC riservato ai pagamenti nazionali;

  • l’utilizzo dello standard ISO 20022 XML per invio-ricezione di bonifici-addebiti diretti in forma aggregata.

Tra gli strumenti di pagamento su cui ha già influito maggiormente il nuovo Regolamento, ricordiamo, per l’appunto, il bonifico SEPA nello schema SCT e gli addebiti diretti suddivisi a propria volta in:

SDD –  SEPA Direct Debit Core (che prendono il posto dei RID ordinari):

  • adoperati da imprese, micro-imprese e consumatori;

  • con termine per l’invio delle disposizioni d’incasso variabile da 14 a 2 giorni prima delle data di regolamento o da 14 a 5 giorni in caso di primo addebito;

  • le controparti hanno la possibilità di opporsi fino al giorno prima del regolamento e di annullare le operazioni precedentemente autorizzate fino ad un massimo di 8 settimane dopo il regolamento stesso o 13 mesi in presenza di operazioni non approvate;

  • eventuali insoluti vanno regolati entro i 5 giorni successivi il regolamento.

SDD – SEPA Direct Debit B2B (che prendono il posto dei RID veloci):

  • riservati ad imprese e micro-imprese;

  • caratterizzati dall’impossibilità di stornare le operazioni;

  • la data di regolamento degli insoluti corrisponde a 2 giorni dopo la data di regolamento delle disposizioni.

Entrambi gli schemi appena descritti presentano le seguenti analogie:

  • utilizzo dello standard ISO 20022 XML;

  • opportunità di impiegare il mandato elettronico e-Mandate;

  • possibilità di controllare in modo preliminare i dettagli del mandato;

  • impossibilità di sfruttare i servizi di Allineamento Archivi AEA.

Da precisare inoltre che, mentre per servizi di addebito diretto come il RID finanziario o il RID ad importo fisso la migrazione verso SEPA è prevista entro il primo febbraio 2016, soluzioni di pagamento tipo Bollettini bancari-postali, RAV, Ri.Ba. e MAV possono continuare ad essere usati normalmente.

Questa l’attuale situazione già imposta da SEPA a bonifici (SEPA Credit Transfer) ed addebiti diretti (SEPA Direct Debit): una situazione tutt’ora in fase evolutiva, desiderosa per il futuro anche di creare maggiore armonia nell’utilizzo di quelle carte di pagamento che, stando al rapporto “Card payments in Europe – a renewed focus on SEPA for cards” proposto dalla Banca Centrale Europea, dovrebbero presto aprirsi a soluzioni come il Mobile Payments, l’e-Payments, l’e-Mandate, l’Innovative Card Payments e l’EBPP Electronic Billing Presentment & Payment: formule innovative atte, ancora una volta, a proseguire a spada tratta la lunga battaglia per il raggiungimento della piena integrazione-semplificazione dei pagamenti nell’Eurozona.

photo credit: kohlmann.sascha via photopin cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *