Fallimenti e aziende in crisi: calo nell'edilizia e nel Mezzogiorno

Fallimenti e chiusure in netto calo nell’edilizia e nel Mezzogiorno

L’Osservatorio Cerved del primo trimestre 2016 mette in evidenza il trend positivo riguardante la diminuzione del numero di fallimenti delle imprese nel Mezzogiorno e nel settore edile. I livelli restano comunque superiori rispetto al periodo pre-crisi. Vediamo nel dettaglio l’analisi condotta

Prosegue nei primi tre mesi del 2016 la diminuzione dei fallimenti, che rimangono tuttavia a livelli decisamente più alti rispetto a quelli pre-crisi, e delle altre procedure concorsuali, grazie soprattutto al calo delle domande di concordato preventivo. Tornano invece ad aumentare le liquidazioni volontarie di società in bonis, ma solamente a causa del forte aumento del numero di chiusure di società ‘dormienti’, di fatto non operative sul mercato.

Complessivamente sono 20,5 mila imprese che hanno avviato procedure di chiusura, in aumento del 2,5% rispetto allo stesso periodo del 2015. Sono in calo tutte le procedure monitorate nelle costruzioni e nel Mezzogiorno, segmenti che hanno risentito pesantemente della crisi. Questa è, in sintesi, la fotografia che emerge dal nuovo Osservatorio su fallimenti, procedure e chiusure di impresa di Cerved, con dati aggiornati al primo trimestre 2016.

Cerved Imprese non più operative per modalità

Sono complessivamente 3,6 mila le imprese che hanno aperto un fallimento tra Gennaio e Marzo 2016, il 4,5% meno dei primi tre mesi del 2015: si conferma quindi il trend positivo degli ultimi mesi, che ha portato il numero delle procedure ai livelli del 2013.

A guidare il calo le imprese edili, con oltre 100 imprese fallite in meno (-12,4%). Più contenuta la riduzione rispetto al primo trimestre 2015 nel terziario (-1,9%) e nella manifattura (-1,2%). Grazie ad una diminuzione del 9,7% rispetto al primo trimestre 2015, cala sotto quota mille il numero di fallimenti aperti dalle imprese del Mezzogiorno; si riducono le procedure fallimentari anche al Nord Ovest (-5,1%) e al Nord Est (-2%), mentre rimangono ai livelli del 2015 nel Centro.

Prosegue il calo anche delle altre procedure concorsuali: nel primo trimestre 2016 ne sono state aperte circa 500, oltre un quinto meno dello stesso periodo del 2015 e il 46% meno del picco del 2013 (919). Sono ancora i concordati preventivi a registrare il calo maggiore: sono circa 300 quelli aperti tra Gennaio e Marzo 2016, il 30% meno del 2015 e quasi la metà del livello del 2014.

Alla base della diminuzione può aver inciso la riforma dell’agosto 2015, che ha inserito soglie per i creditori non garantiti nei concordati liquidatori, e la forte diminuzione dei concordati in bianco, la procedura che permettere di bloccare le azioni dei creditori in attesa di presentare un piano di risanamento ed accedere al concordato pieno. La diminuzione delle procedure ha coinvolto tutti i settori e le aree del Paese, con cali più decisi tra le imprese delle costruzioni (-30%) e del Sud (un terzo in meno).

Tornano invece ad aumentare le liquidazioni volontarie, interrompendo un trend positivo in atto da fine 2013: si stima che nel primo trimestre 2016 16,5 mila imprenditori abbiano deciso di chiudere le loro imprese in bonis, il 3,5% in più rispetto al 2015.

Dati di dettaglio mostrano che questo incremento non è tuttavia un segnale di minore fiducia degli imprenditori: l’aumento delle liquidazioni si concentra infatti tra le imprese ‘dormienti’ (+46%), società registrate ma che di fatto non operavano sul mercato, mentre prosegue il calo di liquidazioni delle ‘vere’ società di capitale (-2,8%). La riduzione delle ‘vere’ imprese liquidate investe, dal punto di vista settoriale, soprattutto il settore delle costruzioni (-11,1%), mentre, a livello territoriale, il Nord Ovest è l’unica area del Paese dove aumentano le società liquidate (+6,6%).

Chiusure nel primo trimestre 2016 per area geografica

Cerved chiusure nel primo trimestre 2016 per macro settore

Ecco la situazione descritta dall’infografica dedicata:

Cerved Infografica fallimenti primo trimestre 2016

Il report completo è disponibile su Know Cerved


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Scopri subito Cerved Premium per Easyfatt
Danea

Sono nata nel 1995 da un'idea a due passi da Padova. Sono dinamica, entusiasta e adoro creare soluzioni semplici per problemi complessi. Sono sempre sul pezzo e sono molto pignola, tanto che mi dicono ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *