Leadership e team building: come avere un team da sogno

Leadership e team building: come ottenere il massimo dal tuo team e lavorare meglio

Come esercitare una buona leadership e favorire il teambuilding: gli 8 atteggiamenti che differenziano un semplice capo da un leader vincente.

In tema di leadership e team building, come comportarsi affinché il proprio staff massimizzi le performance? Scopriamolo subito insieme analizzando con attenzione i punti riportati di seguito: 8 tratti caratteriali del titolare vincente, che ci aiuteranno a meglio comprendere cosa fare per mettere i collaboratori nella condizione di lavorare al meglio.

break-voice

#1- Pretendere sempre il massimo

Il boss di successo è quello che, oltre a pretendere sempre il massimo dai suoi dipendenti e da se stesso, è anche disposto ad indicare alla propria squadra la direzione da intraprendere per farla crescere dal punto di vista professionale: una sorta di vera e propria guida capace di spronare il prossimo, rendendolo maggiormente produttivo ed in grado di raggiungere obiettivi di volta in volta più importanti.

break-voice

#2- Vedere una buona occasione anche nell’imprevisto

Il grande leader aziendale sa che (in buona parte dei casi) le occasioni più interessanti arrivano dagli imprevisti: chi è solito affrontare in modo passivo i momenti di crisi subendone le conseguenze senza tentare di reagire perde in partenza, perché proprio dall’inconveniente possono nascere quelle intuizioni e reazioni che consentono di trovare la soluzione a qualsiasi problema.

Leggi anche: Imprenditori di successo: 5 storie di reazione al fallimento

break-voice

#3- Dimostrare professionalità e umanità

Chiunque voglia che il proprio team possa lavorare meglio, deve fare tutto il possibile per dimostrare nei suoi confronti equilibrio tra la professionalità e l’umanità: pretendere buoni risultati e dare soddisfazione quando questi vengono conseguiti, è il modo migliore per stimolare i dipendenti a rendere sempre di più, facendoli sentire parte di un gruppo compatto nel quale al singolo meritevole viene riconosciuto il giusto valore.

break-voice

#4- Affiancare e supportare i propri dipendenti

Spesso e volentieri, la vera differenza tra una buona e cattiva leadership si vede anche da quanto il titolare è in grado di supportare i propri dipendenti. Il vero team leader, infatti, riesce a prevedere le situazioni di crisi e, quando necessario, a fiancheggiare i propri collaboratori per riuscire ad affrontarle al meglio.

Leggi anche: Rete vendita: come motivarla per vendere di più

break-voice

#5- Accettare di svolgere qualunque mansione

Mostrare disponibilità a svolgere anche le mansioni più umili permette di costruire un legame con i dipendenti. Tutti nel team lavorano e si adoperano per il raggiungimento di un comune obiettivo, in qualsiasi modo si renda necessario. A prescindere dal ruolo o dalla posizione rivestita all’interno dell’azienda, dimostrare la propria predisposizione al sacrificio porta i collaboratori ad essere anch’essi maggiormente predisposti ad accettare di buon grado anche i compiti “meno nobili”.

break-voice

#6- Farsi prima di tutto apprezzare come persona

Affinché sia possibile garantire un ambiente professionale in cui tutti i dipendenti possano lavorare bene, è importante riuscire a fare in modo che i vari collaboratori seguano le indicazioni del titolare, non tanto per l’autorità del suo ruolo, quanto piuttosto per la considerazione provata verso di lui, perché il seguace più fedele è colui che prova autentica ammirazione e rispetto.

break-voice

#7- Perseguire uno scopo più grande e profondo

Un grande leader si adopera, oltre che per per raggiungere gli obiettivi aziendali prefissati, anche per perseguire ulteriori e differenti risultati. Non si preoccupa solo della corretta gestione della propria impresa, ma anche della crescita professionale dei propri collaboratori, della condivisione con essi di una chiara visione aziendale e, in caso di necessità, di sostenerli anche da un punto di vista più personale ed umano. Il vero leader non sottovaluta le relazioni personali alla base dei rapporti professionali.

break-voice

#8- Essere disposti a correre dei rischi reali

Da che mondo è mondo, i leader migliori sono sempre quelli disposti a prendere rischi reali e ad assumere posizioni impopolari per raggiungere i propri traguardi: se il fatto di correre un certo pericolo può portare dei vantaggi concreti all’azienda, bisogna dimostrare il coraggio di saper imboccare la strada più difficile anche (e soprattutto) quando gli altri scelgono quella più facile.

Leggi anche: Analisi swot: obiettivi aziendali e come raggiungerli

Questi i tratti distintivi che il titolare di successo dovrebbe possedere per consentire al proprio staff di lavorare meglio: 8 atteggiamenti capaci di fare la differenza tra una buona ed una cattiva leadership.

photo credit: carterse – cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *