Spese di conduzione … (anche) senza conduttore!

Oggi ho un piccolo suggerimento per una funzione di Domustudio un po’ nascosta ma davvero utile …

Sempre più spesso dai nostri clienti amministratori di condominio ci viene riportata la richiesta fatta da alcuni proprietari di conoscere la quota di conduzione anche se la presenza del conduttore non è stata segnalata. Il proprietario dell’immobile, infatti, intende regolare direttamente con il conduttore le spese condominiali e qui sorge l’esigenza di conoscere l’importo da richiedere al proprio affittuario.

Non tutti lo sanno ma questo dato è facilmente rilevabile dalla stampa Ripartizioni per unità (nel menu Preventivo o Consuntivo). Quindi senza l’inserimento dell’inquilino è comunque possibile conoscere la quota di spesa di competenza di quest’ultimo. L’unica (ovvia) operazione da fare è l’indicazione, nel piano dei conti, di quali siano le spese di proprietà e quali quelle di conduzione.


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Elena

Bilancia del 1981, giovanissima… oh cavoli siamo già nel 2015! Va beh… Approdo nel “Fantastico mondo di Danea” a giugno 2008. Qui mi dedico all’assistenza clienti ed ai corsi di formazione. ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress
5 commenti su “Spese di conduzione … (anche) senza conduttore!
  1. Ciccius scrive:

    Ecco, questa non la sapevo e mi sarà sicuramente utile perché in effetti è una cosa che viene chiesta spesso. Io di solito copiavo l’esercizio, inserivo un inquilino fittizio e facevo il calcolo. Ora farò come suggerito da voi, grazie.

  2. Akira scrive:

    Grazie mille!

    Stefano (BO)

  3. Io ho un problema: in un condominio quasi tutti per contratto hanno le spese amministrative attribuite al 100% al conduttore. Uno solo vuole il 50% e 50% tra proprietario ed inquilino.
    Il conto relativo è attribuito al 100% per il conduttore, ora: come faccio per quell’appartamento ad attribuire la giusta ripartizione?

  4. Marco scrive:

    x Webmaster todaysurf.com

    E’ sufficiente gestire nella sezione dei conti le “eccezioni”, dove puoi indicare, anche solo specificatamente per quelle unità, criteri di ripartizione diversi.

    Questo lo si può applicare, per assurdo, su tutte le unità con eccezioni diverse rispetto alla ripartizione iniziale del conto di spesa.

    :-) Grazie Domustudio!

  5. eccellente! grazie infinite!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *