Viaggiare per lavoro: produttività del lavoro

Viaggiare per lavoro: 5 consigli per la produttività quando sei in viaggio di lavoro

5 Dritte per la Produttività durante il viaggio di lavoro. Danea ti suggerisce come viaggiare per lavoro in modo efficiente e produttivo

Affinché viaggiare per lavoro garantisca il massimo livello di produttività desiderabile, risulta necessario mettersi nella condizione adatta di poter affrontare al meglio i vari incarichi gestendoli in modo appropriato nonostante le scomodità e le problematiche derivanti dall’essere fuori sede.

Cosa fare dunque per rendere un viaggio di lavoro quanto più proficuo possibile e come organizzare ogni singola giornata trascorsa in trasferta? Scopriamolo subito insieme analizzando uno ad uno i 5 consigli riportati di seguito, grazie ai quali potrai massimizzare la resa incrementando le performance!

break-voice

Assicurati il silenzio e la tranquillità anche nei contesti affollati

Viaggiare per lavoro può risultare piuttosto difficile perché, spesso e volentieri, gli ambienti in cui si capita sono estremamente caotici e rumorosi sia per concentrarsi davanti al portatile che per sostenere conversazioni con clienti e fornitori via telefono, chat o mail. La soluzione meno dispendiosa in grado di risolvere questo disagio è quella di acquistare delle cuffie anti-rumore da utilizzare quando si presentano folle particolarmente chiassose: compromesso ideale da sfruttare in aeroporto, sul treno, nelle sale d’attesa e, più in generale, dentro tutti quei luoghi dove il caos fa da padrone.

break-voice

Mantieni sempre carichi e funzionanti tutti i dispositivi elettronici

Possiedi uno smartphone, un tablet o un computer portatile? Durante ogni viaggio di lavoro assicurati che tutti i dispositivi siano perfettamente carichi e funzionanti così da evitare il rischio di trovarti senza batteria nel bel mezzo del bisogno. Se arrivi frequentemente a fine giornata con telefono o pc che stanno per spegnersi e non hai la possibilità di attaccarli a fonti energetiche, munisciti di batterie aggiuntive da adoperare solo in caso di estremo bisogno: precauzioni efficaci che ti permettono di perseguire la produttività anche dopo tante ore trascorse fuori ufficio.

Leggi anche: Le 10 App per il Viaggio di Lavoro perfetto

break-voice

Pianifica una tabella di marcia

Prima di partire per il tuo viaggio d’affari, stila la lista completa delle cose da fare mentre sei in trasferta ed accanto alle singole voci indica il tempo necessario al loro svolgimento. Se, per esempio, sai che andrai in un posto all’estero dove non ci sarà il Wi-Fi, regolati di conseguenza per lavorare senza bisogno della connessione internet e pianifica le attività effettivamente svolgibili nelle tempistiche a disposizione.

break-voice

Organizza itinerari e percorsi sfruttando la tecnologia

Con la diffusione dei dispositivi elettronici, sono state create una serie di App che permettono a chi deve viaggiare per lavoro di gestire tutti gli spostamenti andando sempre sul sicuro: che si tratti della ricerca hotel e voli-treni, piuttosto che della strada da percorrere a piedi o in macchina per raggiungere un certo cliente, questi pratici strumenti in grado di fornire qualunque informazione desiderabile con un semplice click, evitano a priori le perdite di tempo.

break-voice

Prenditi una pausa

Vuoi ottenere delle prestazioni eccellenti durante ogni singolo spostamento? Qualche volta concediti delle pause per svagare la mente e ricaricare le batterie: prenditi un caffè, fai delle passeggiate, leggi il giornale ma, soprattutto, cerca di mantenerti sempre lucido evitando l’eccessivo stress causato dal troppo lavoro. Una persona serena, rilassata e tranquilla dimostra meglio il suo potenziale.

5 consigli pratici che ti permetteranno di viaggiare per lavoro assicurando il massimo livello di rendimento possibile: soluzioni efficaci da sfruttare al meglio durante qualsiasi trasferta!

photo credit: Anna & Michal via photopin cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *