Questions? Feedback? powered by Olark live chat software
La fatturazione elettronica è già qui! Scopri di più

- Supporto Easyfatt -

Area di Supporto


L'area di supporto ed assistenza dedicata a Danea Easyfatt

Area Clienti

Risolvi problemi tecnici, richiedi assistenza, scarica aggiornamenti o invia suggerimenti:

oppure Registrati ora.

Domanda/Risposta

Come si gestiscono le fatture per i contribuenti "minimi"?

Le fatture dei contribuenti "minimi" vanno emesse (o registrate) utilizzando il cod. Iva "MIN", non hanno ritenuta d'acconto e devono riportare una specifica dicitura: "Prestazione svolta in regime fiscale di vantaggio ex. art. 1, co 96-117, L. 244/2007 come modificata da art. 27, DL 98/2011 e pertanto non soggettta a Iva né a ritenuta ai sensi del provvedimento direttore ag. Entrate n. 185820.

Come mai alle volte Easyfatt sembra sbagliare lo scorporo dell'IVA quando si lavora con i 'prezzi Ivati'?

Lavorando su fatture con l'opzione "Usa prezzi Ivati" alle volte l'imponibile indicato nel castelletto IVA non sembra calcolato correttamente.
Esempio: vendendo un oggetto con prezzo Ivato € 65,06 ed Iva al 10%, ci si potrebbe aspettare di avere un imponibile di € 59,15 (65,06 / 1,10 fa infatti 59,145454... che arrotondato per eccesso a 2 decimali darebbe appunto € 59,15). Tuttavia, quando calcoliamo l'IVA su questo importo risulta un'imposta (arrotondata) di € 5,92 e di conseguenza un totale ivato di € 65,07, superiore di un centesimo a quello desiderato.
Per far tornare i conti, quindi, Easyfatt deve togliere un centesimo dall'importo netto e proporre l'imponibile di € 59,14 e l'imposta di € 5,92 (il fisco non gradisce che venga tolto un centesimo dall'IVA!).

E' prevista la gestione IVA?

Easyfatt non è un programma di contabilità, però consente di stampare registri Iva e di effettuare la liquidazione periodica. Viene supportata anche l'Iva ad esigibilità differita (Iva per cassa o sospensione Iva).

In una fattura con più scadenze di pagamento, come posso farmi pagare tutta l'IVA nella prima rata?

Bisogna creare un nuovo "tipo pagamento" (dal menu "Tabelle") ed impostare con un certo criterio le scadenze previste in questo pagamento. Ipotizzando l'applicazione di un'aliquota IVA del 22% e volendo creare tre scadenze (30/60/90), le tre voci dovranno riportare, nella colonna "% del Totale", i valori 22/50/50. Easyfatt lavorerà correttamente, anche se il totale non fa 100, operando per proporzioni, pertanto la prima rata corrisponderà a 22/122 sul totale mentre la seconda e la terza saranno entrambe pari a 50/122.

Come va gestito il "reverse charge" in fattura?

Nelle righe della fattura è sufficiente utilizzare il codice iva "NS17". Se tale codice non è presente, bisogna prima crearlo nel menu Tabelle -> Categorie Iva: va inserito un nuovo codice denominato NS17, aliquota 0%, indetr. 0%, descrizione "Non sogg. Iva art.17 c.6 DPR 633/72".

E' possibile aggiungere altri codici/aliquote Iva oltre a quelli esistenti?

Certamente, tramite l'accesso alla tabella dei codici Iva, dal menu Tabelle > Aliquote Iva.

Per adempiere alla normativa sulla privacy devo proteggere l'accesso all'archivio del programma con una password differente per ogni utente che usa il computer?

In merito a questo argomento regna un po' di confusione generale: la normativa non ha mai richiesto di proteggere l'accesso ai dati dei singoli programmi con login e password per ogni utente (altrimenti bisognerebbe usare questo sitema per ogni programma che tratta dati personali... anche Outlook, la rubrica di windows, oppure Word o Excel!). Quello che viene richiesto è un accesso controllato AL SISTEMA con le corrette credenziali di autenticazione: in pratica s'intende quindi la classica Login/Password di accesso Windows.

Non hai trovato la risposta che cercavi?

Accedi alla tua Area Supporto personale oppure invia una richiesta al nostro staff.

Stai decidendo l'acquisto del software e necessiti di ulteriori informazioni?
Contatta il nostro Staff!