Consulenza business plan: come scegliere il consulente giusto

Consulenza business plan: come scegliere il consulente giusto

Il Business Plan fa ormai parte della cultura imprenditoriale. Ma, oltre ad essere conosciuto, va anche gestito nel modo corretto: come scegliere il consulente esperto in materia

 

Sentir parlare di studi di consulenza business plan è sempre più frequente, sia negli ambienti che circondano le start up innovative sia in quelli tipici delle imprese più tradizionali. Il business plan sta infatti entrando pian piano a far pienamente parte della cultura imprenditoriale italiana come strumento alla base di ogni impresa.

Ma, chi sono e cosa fanno in pratica dei consulenti business plan? Cosa possono fare in pratica per il nostro piano aziendale? E quali sono i pro e i contro?

Prima di rispondere a questa domanda partiamo dal presupposto che il business plan non è un semplice compito da svolgere una tantum, ma è una pratica su cui investire nel tempo parte delle proprie energie. Perché il business plan possa rivelarsi effettivamente utile per la propria impresa è necessario che venga aggiornato con continuità.

Spesso, imprenditori e manager, sottostimano l’importanza del piano imprenditoriale e pensano che l’assunzione di un consulente esterno per la stesura e redazione risolva la questione. Purtroppo, così facendo, nel 99% dei casi si otterrà in cambio solo un costoso documento.

Perché? Perché il consulente del tuo business plan è una persona esterna alla tua realtà e non conosce il tuo mercato, la tua impresa, i tuoi obiettivi e tutte le peculiarità che questo mix crea.

Uno studio di consulenza business plan può aiutarti e supportarti a stendere il documento ma non può farlo al tuo posto!

Fatta questa breve ma doverosa parentesi, vi sono alcuni elementi da prendere in considerazione prima di richiedere una consulenza aziendale per la redazione del proprio business plan. Pochi ma essenziali punti per ottenere un documento strategico efficace, preciso e coerente con gli obiettivi prefissati.

break-voice

#01- Una consulenza business plan è di medio / lungo termine

Ingaggiare dei consulenti per business plan può rivelarsi estremamente utile, a patto che tutte le persone coinvolte nella stesura di tale documento siano perfettamente consapevoli delle eventuali criticità presenti in azienda e abbiano il tempo per immergersi nella realtà del cliente.

La consulenza inoltre non potrà limitarsi ad una collaborazione casuale ma richiederà sicuramente un rapporto nel tempo che permetta un continuo aggiornamento e affinamento del piano.

break-voice

#02- Conoscenza del mercato e delle logiche d’impresa

Una consulenza aziendale per la redazione del piano aziendale deve partire sempre con la condivisione degli obiettivi del documento: strategia interna, ricerca di investitori, ottenimento di finanziamenti pubblici, finanziamenti bancari, ecc…

In ogni caso l’esperienza specifica del consulente aziendale nel nostro mercato di riferimento e per gli obiettivi specifici del piano deve essere la condizione di base per una scelta adeguata ed efficace. Scrivere un business plan per l’uso interno è completamente differente dal predisporre un piano per la ricerca di investitori.

break-voice

#03- Trovare una risorsa interna che prenda le redini

Internalizzare questa competenza è d’obbligo. Poter contare su una risorsa del proprio team per la continua rettifica e implementazione del tuo business plan è impagabile.

Una risorsa formata a dovere che vive e respira il tuo business tutti i giorni avrà il polso della situazione molto più di qualsiasi consulente esterno. Prendere in considerazione la possibilità di usare una consulenza professionale come base per la formazione di un collaboratore potrebbe essere una scelta strategica vincente sul lungo periodo.

Leggi anche Come fare un Business Plan? La Guida completa di Danea

Photo credit: Sebastiaan ter Burgcc.


Scarica e Prova Gratis Easyfatt - Il software di fatturazione più usato in Italia.



Scarica e prova subito gratis Danea Easyfatt
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *