Costo commercialista: scegliere non è solo questione di prezzi

Costo commercialista: come scegliere seriamente il commercialista senza farsi abbagliare dai prezzi

Scegliere il commercialista giusto è fondamentale per ogni attività. Ma come valutare il costo commercialista? Quali parametri usare?

Aspetto da non sottovalutare nel momento in cui si vuole avviare una nuova attività, piccola o grande che sia è la scelta del commercialista. Molto spesso infatti c’è bisogno di una persona di fiducia che possa aiutare a districarsi nelle sempre più complicate norme che regolano le attività economiche del nostro paese, e non mi riferisco solamente a norme di carattere fiscale, ma a tutta la burocrazia che spesso ci attanaglia, in modo più o meno opprimente a seconda della tipologia di attività che andiamo ad esercitare.

(…) un “buon commercialista” non è un “tuttologo” (…)

Primo aspetto fondamentale che voglio mettere in evidenza è che un “buon commercialista” non è un “tuttologo”: spesso capita infatti che vengano richieste informazioni che spaziano in tutti i campi, dal giuridico-legale, al fiscale, al diritto del lavoro: teniamo presente che i commercialisti non sono né avvocati, né notai, né tantomeno consulenti del lavoro. Il consiglio quindi è di non diffidare, ma apprezzare il professionista che si prende un attimo di tempo prima di rispondere a tutte le vostre, sicuramente legittime, domande.

Premesso questo, nella scelta del professionista al quale vi volete affidare ci sono alcuni parametri da valutare, criteri che tuttavia non hanno una portata assoluta, ma che devono essere rapportati anche a quelle che sono le esigenze e le aspettative.

Leggi anche: Cosa fa il commercialista per te? 5 Domande a cui dovrebbe rispondere

Mi riferisco ad esempio all’ubicazione dello studio del commercialista che andrete a scegliere: può indubbiamente costituire un vantaggio avere un professionista di riferimento “a portata di mano” che operi in zona e che possa seguire più facilmente i clienti in alcune pratiche presso uffici pubblici o che possa riceverli ogni qualvolta questi ne abbiano l’esigenza. Tuttavia il requisito della vicinanza, fondamentale per alcuni potrebbe anche non esserlo per altri: ad oggi la maggior parte delle comunicazioni con agenzia delle entrate, inps e camera di commercio avvengono in via telematica, senza quindi necessità di recarsi presso gli uffici di persona, inoltre molto spesso la corrispondenza con il cliente può in modo agevole essere effettuata telefonicamente o tanto meglio, via mail. Ecco, da questo punto di vista sicuramente è un aspetto fondamentale che il professionista sappia utilizzare in modo efficace e tempestivo le più recenti tecnologie informatiche di comunicazione e possa comunicare facilmente, direttamente ed in tempi rapidi via mail o via skype.

Mai uscire dal colloquio ed avere gli stessi o più dubbi di prima.

Altro aspetto importante da considerare è la capacità di comunicare del professionista: fin dal primo incontro è necessario che si instauri un certo feeling tra il cliente ed il consulente e che al termine del colloquio abbiate capito tutto quello che vi è stato detto. Allora sì forse quella potrebbe essere la persona giusta! La chiarezza, e il tentativo di spiegare in termini semplici cose che a volte semplici non sono è tutt’altro che facile: la persona che è in grado di spiegarsi in modo chiaro e fare esempi pratici per rispondere ad un vostro dubbio allora potrebbe fare al caso vostro. Mai uscire dal colloquio ed avere gli stessi o più dubbi di prima.

(…) farsi fare diversi preventivi è fondamentale, ma un efficace confronto deve basarsi selle medesime prestazioni.

Infine, non è solo una questione di costo, ma anche il prezzo può incidere nella scelta del commercialista.

Anche su questo punto un consiglio: sicuramente farsi fare diversi preventivi è fondamentale, ma un efficace confronto deve basarsi selle medesime prestazioni. Innanzitutto, i costi per la gestione di una contabilità e dei connessi adempimenti fiscali variano a seconda della forma giuridica scelta per la vostra impresa: gestire un’impresa individuale piuttosto che una società di persone o una società di capitali comporta adempimenti e di conseguenza costi diversi, come diverso è il costo della gestione di una contabilità semplificata o di una contabilità ordinaria (la scelta per la contabilità ordinaria è obbligatoria per le società di capitali, mentre dipende dal volume d’affari per le imprese individuali e le società di persone).

La tipologia di gestione della contabilità può influire notevolmente sul costo del commercialista: ciò che è importante sottolineare è confrontare i preventivi che includono le medesime prestazioni. Può capitare infatti di visionare un preventivo apparentemente basso, ma che non include tutti gli adempimenti obbligatori che vengono richiesti i quali poi vengono fatturati separatamente facendo inevitabilmente lievitare il costo da sostenere.

Quindi, attenzione al costo commercialista, ma anche al numero ed alla qualità dei servizi offerti!

photo credit: web4camguy cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Luca Mambrin

Dottore Commercialista e Revisore contabile a Trieste, se mi avessero domandato ai tempi dell’università “cosa farai da grande” non avrei mai risposto “il dottore commercialista”: ed invece ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *