SCOPRI I NOSTRI GESTIONALI

Cultura aziendale: una guida introduttiva dedicata agli imprenditori

Cultura aziendale: una guida introduttiva dedicata agli imprenditori

In tutti i gruppi tende a formarsi una “cultura”, cioè delle credenze e delle regole di comportamento, più o meno formali. L’azienda non ne è esente, anzi, può risentire della cultura che si crea tra i dipendenti: vediamo come.

 

La cultura aziendale è un concetto all’apparenza astratto, ma indica una dinamica che può influire sul lavoro quotidiano in azienda. Il blog di Dipendenti in Cloud ha pubblicato una guida introduttiva, che fornisce all’imprenditore alcune nozioni fondamentali e lo aiuta a riconoscere e ad intervenire sulla cultura aziendale che può essersi già formata tra i dipendenti. Qui ne riportiamo un breve riassunto.

Una definizione di cultura aziendale

L’articolo di Dipendenti in Cloud riporta la definizione più accettata di cultura aziendale, elaborata da Edgar Schein, professore emerito di management alla Sloan School Of Management del Massachusetts:

“l’insieme di assunti fondamentali e condivisi che un gruppo ha sviluppato per risolvere i problemi di adattamento esterno e integrazione interna, che hanno funzionato abbastanza bene da essere considerati validi e quindi degni di essere insegnati ai nuovi membri come il modo per percepire, pensare e sentire in relazione a questi problemi”.

Non si limita però solo all’assunto, ma lo cala nella realtà quotidiana di un’impresa.
Per farlo, cita alcuni elementi che sono una manifestazione “tangibile” della cultura aziendale, ad esempio:

  • l’abbigliamento, l’organizzazione degli spazi, voci, storie e aneddoti informali: sono quelli che Schein definisce “artefatti” e ci aiutano a capire quali credenze si sono affermate;
  • i comportamenti: possono essere determinati da valori impliciti condivisi dai dipendenti.

Scopri di più su cos’è la cultura e come si manifesta in azienda >

Gli effetti della cultura aziendale sul lavoro

Per sensibilizzare l’imprenditore sull’importanza del tema, Dipendenti in Cloud riporta i risultati di alcuni studi internazionali, secondo cui la cultura aziendale:

  • Condiziona le performance economiche: infatti, se presenta determinate caratteristiche (ad esempio, valorizza i clienti ed è in grado di adattarsi rapidamente ai cambiamenti), la cultura può portare un’azienda ad ottenere performance migliori rispetto ai concorrenti.
  • È un driver più importante per l’innovazione, anche più importante di altri fattori quali gli incentivi dello Stato, il capitale e il luogo in cui l’azienda è situata.
  • Rende i dipendenti più motivati e coinvolti, con ripercussioni positive sulla produttività.

Come riconoscere e definire la propria cultura aziendale

La guida termina con alcuni consigli pratici che aiutano l’imprenditore a riconoscere la cultura già condivisa tra i suoi dipendenti e a intervenire per renderla più in linea con i valori e gli obiettivi dell’azienda.

Ad esempio, suggerisce di:

  • Ideare e trasmettere una vision: una “visione” degli obiettivi a lungo termine.
  • Stabilire una mission: una serie di azioni e obiettivi del breve periodo che possono aiutare a concretizzare la vision.
  • Prestare particolare attenzione al lavoro di gruppo: perché in queste circostanze possono emergere più facilmente idee e valori impliciti.
  • Osservare il comportamento dei dipendenti mentre lavorano e nei momenti informali.

Leggi l’articolo completo sul blog di Dipendenti in Cloud >

Dipendenti in Cloud

Sono nato dalla mente di una giovane StartUp Italiana nel 2013. Amo avere tutto sotto controllo e pianificare ogni cosa, "organizzazione" è la mia parola d'ordine. Ho un look semplice e minimal, ma non ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress