SCOPRI I NOSTRI GESTIONALI

Fatture elettroniche e imposta di bollo: come si assolve e quando si paga

Fatture elettroniche e imposta di bollo: come si assolve

I nuovi termini e scadenze per il pagamento dell’imposta di bollo e le nuove procedure per la consultazione dei dati

 

Con l’introduzione della fattura elettronica i termini e le modalità di assolvimento dell’imposta di bollo previsti dall’art. 6 comma 2 del D.M. 17.06.2014 sono stati più volte modificati.

Recentemente il D.M. 04.12.2020 ha fissato i nuovi termini per l’assolvimento dell’imposta di bollo, termini che decorrono dal 01.01.2021.
In particolare l’art. 1 del citato D.M. prevede che:

  • il pagamento dell’imposta relativa alle fatture elettroniche emesse nel primo, nel terzo e nel quarto trimestre solare dell’anno di riferimento deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo alla chiusura del trimestre (quindi 31.05, 30.11 e 28.02);
  • il pagamento dell’imposta relativa alle fatture elettroniche emesse nel secondo trimestre solare deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del terzo mese successivo alla chiusura del trimestre (30.09);
  • nel caso in cui l’ammontare dell’imposta di bollo complessivamente dovuta sulle fatture elettroniche emesse nel primo trimestre solare dell’anno non superi l’importo di 250 euro, il contribuente può procedere al pagamento entro il termine previsto per il versamento dell’imposta relativa al secondo trimestre solare dell’anno di riferimento (30.09);
  • nel caso in cui l’importo dell’imposta di bollo dovuta in relazione alle fatture elettroniche emesse nei primi due trimestri solari dell’anno, complessivamente considerati, non superi l’importo di 250 euro, il pagamento dell’imposta di bollo complessivamente dovuta sulle fatture elettroniche emesse nei predetti trimestri può essere effettuato entro il termine previsto per il versamento dell’imposta relativa al terzo trimestre solare dell’anno di riferimento (30.11).

Scadenza bollo fatture elettroniche: i nuovi termini

Si riepilogano le scadenze previste nella seguente tabella:

 PERIODO IMPOSTA DI BOLLO TERMINE NOTE
 I trimestre   >250 euro 31.05 Nel caso in cui l’importo sia pari o inferiore ad euro 250, il versamento può essere effettuato entro il 30.09.
 II trimestre >250 euro 30.09 Nel caso in cui l’importo dell’imposta di bollo del primo e secondo trimestre sia pari o inferiore ad euro 250, il versamento può essere effettuato entro il 30.11.
 III trimestre Qualsiasi importo 30.11
 IV trimestre Qualsiasi importo 28.02


Si segnalano infine le ulteriori
novità introdotte con il Provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 04.02.2021 con il quale viene previsto che lAgenzia delle entrate debba elaborare per ogni trimestre solare le fatture elettroniche trasmesse al Sistema di Interscambio (SdI) ed elaborate senza scarto per determinare se su tali fatture è stato indicato correttamente l’assoggettamento all’imposta di bollo

Se sono state emesse fatture elettroniche che configurano i presupposti per l’assoggettamento a bollo, ma non contengono la relativa indicazione, l’Agenzia le evidenzia al soggetto che le ha emesse. 

L’esito di tale elaborazione si concretizza nella messa a disposizione all’interno del portale “Fatture e corrispettivi” di due elenchi contenenti gli estremi delle fatture elettroniche emesse nel trimestre solare di riferimento:

  • l’elenco A (non modificabile), che contiene gli estremi delle fatture correttamente assoggettate all’imposta di bollo (campo valorizzato a “SI” nel file con estensione .xml contenente la fattura elettronica);
  • l’elenco B (modificabile), che contiene gli estremi delle fatture che presentano i requisiti per l’assoggettamento a bollo ma che non riportano l’indicazione prevista (campo non presente nel file con estensione .xml contenente la fattura elettronica).

Pagamento bollo fatture elettroniche: le modalità

ll pagamento dell’imposta potrà essere effettuato:

  • mediante il servizio presente nella medesima area riservata del contribuente, con possibilità di addebito diretto sul conto corrente bancario o postale;
  • oppure utilizzando il modello F24 predisposto dall’Agenzia delle entrate.
Luca Mambrin

Dottore Commercialista e Revisore contabile a Trieste, se mi avessero domandato ai tempi dell’università “cosa farai da grande” non avrei mai risposto “il dottore commercialista”: ed invece ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress