SCOPRI I NOSTRI GESTIONALI

Cos’è e come funziona Market Finder? L’aiuto per vendere all’estero firmato Google

google-market-finder

Scegliere di aprire la propria attività al mercato estero non è una decisione da sottovalutare, è necessario comprendere le reali criticità e possibilità. Ecco come Market Finder può venirci in aiuto in questo.

 

Market Finder, da ottobre 2018 disponibile anche in lingua italiana è il tool sviluppato da Google per aiutare le aziende a trovare nuovi clienti all’estero, pianificando le strategie migliori per incrementare le vendite online fuori dai confini nazionali.

Una piattaforma gratuita, che mette a disposizione informazioni e dati a supporto per le strategie di marketing per l’internazionalizzazione, grazie anche all’integrazione con i servizi della diplomazia economica offerti da ICE/ITA e Farnesina, come ad esempio link mirati a strumenti di market intelligence come InfoMercatiEsteri ed ExTender.

Pur essendo ancora utilizzato da un numero relativamente esiguo di utenti, Market Finder contiene una serie di informazioni che possono rivelarsi molto importanti in vista di un’espansione del proprio business all’estero. È anche molto utile, a livello preliminare, per raccogliere le idee su progetti di e-commerce in full outsourcing, in modo da comprendere le reali criticità e possibilità che mercati sconosciuti possano offrire.

Per prima cosa, dovrai inserire l’URL dell’e-commerce che vuoi far analizzare dal tool. Market Finder, recupererà in automatico le categorie merceologiche e la localizzazione del mercato domestico.

La dashboard presenta i link diretti ai 3 step operativi di Market Finder, ovvero alle tre categorie che forniscono approfondimenti personalizzati per identificare i mercati da scegliere come target, impostare le operazioni e promuovere i tuoi prodotti o servizi nei nuovi mercati consigliati:

  • Trova nuove opportunità: ti permette di identificare i mercati potenziali migliori per il tuo business, con suggerimenti sui mercati più adatti all’esportazione di prodotti o servizi.
  • Pianifica le operazioni: serve a preparare la tua impresa per il mercato globale, grazie a strumenti, guide e suggerimenti di localizzazione dettagliati.
  • Entra nel mercato: ti fornisce i mezzi per farti conoscere ai potenziali clienti, grazie a risorse formative sul marketing digitale e sugli strumenti offerti da Google.

Market Finder, aggregando informazioni sia personalizzate che generiche, consente di ottenere una serie di insight per aiutarti a scegliere quale nuovo mercato offra i migliori presupposti, ad esempio mostrando il volume di ricerche effettuate in un determinato paese, per i prodotti che intendi esportare, e fornendo anche una stima del CPC medio, per competere con Adwords in quel mercato. Ma Market Finder è anche molto, molto di più.

Uno degli errori più comuni per chi vuole espandersi in un mercato straniero, infatti, è quello di credere che per vendere all’estero basti preparare delle schede prodotto in inglese (spesso tradotte malissimo), senza considerare altri aspetti fondamentali, come gli investimenti pubblicitari, i competitor e lo stato di salute del paese in cui vorremmo andare a vendere i nostri prodotti.

Dopo una breve analisi automatizzata, Market Finder crea una vera e propria classifica di opportunità di mercati esteri e, una volta realizzata la short list di paesi che vuoi analizzare, ti metterà a disposizione informazioni che, fondamentalmente, mettono in luce questi aspetti:

  • dimensioni del mercato;
  • costo per click medio su Adwords per keyword correlate alle categorie di prodotto portate in analisi;
  • competitività;
  • potere di acquisto della popolazione del paese analizzato;
  • stato di salute delle infrastrutture;
  • semplicità di avvio di un business in quel paese.

I 3 step in cui è suddiviso Market Finder ti aiutano rispettivamente a individuare opportunità, pianificare le operazioni necessarie e metterle in pratica.

Ogni sezione è poi corredata da guide e link alle varie risorse pubblicate nell’interessante hub editoriale sulla pubblicità online Think with Google.

Analizziamo ora le tre categorie in dettaglio.

Trova nuove opportunità

Dopo avere inserito l’URL del tuo e-commerce, ti verranno presentate le tue categorie merceologiche, rilevate automaticamente da Market Finder e la localizzazione del mercato domestico. Potrai modificare le categorie, inserendone fino a 5.

A quel punto, la schermata ti mostrerà il mercato domestico e i mercati esteri in cui Market Finder rileva le migliori opportunità, aggregando una serie di dati e informazioni recuperate da diverse fonti, che possono esserti utili per prendere decisioni strategiche o per convalidare quelle che hai già preso.

Da qui si possono selezionare altri tab per accedere a dati più approfonditi, dai mercati suggeriti al numero di ricerche sul Google locale di ogni singolo mercato, in base ai termini correlati ai prodotti venduti sul tuo e-commerce.

È inoltre possibile confrontare la competitività su AdWords del paese selezionato, con la spesa per CPC medio per keyword correlate ai tuoi prodotti.

Ma Market Finder ti aiuta anche a non prendere decisioni affrettate, e lo fa fornendoti una classifica sulla difficoltà di avviare un nuovo business in uno dei 185 Paesi presi come riferimento, dal più semplice a più difficile. Dal tab Trova nuove opportunità potrai ottenere:

  • Profilo del Paese: fornisce la dimensione, l’età media ed il reddito medio della popolazione di ogni Paese, le lingue parlate, la valuta. Interessante è anche il dato di corruzione percepita nei vari Paesi (fonte: Transparency.org), un dato che purtroppo può fare la differenza se si intende aprire un’attività imprenditoriale in alcuni luoghi.
  • Profilo economico: PIL, capacità produttiva della popolazione, capacità d’acquisto in relazione al PIL, tasso di crescita del prodotto interno lordo del paese e tasso di disoccupazione, efficienza dell’infrastruttura logistica, collegamenti verso l’estero, complessità burocratiche, oltre che al grafico con i sistemi di pagamento in uso dai merchant nel paese selezionato e la percentuale di utilizzo da parte dei consumatori.
  • Ricerca & pubblicità, che riprende i dati già visti nella dashboard iniziale;
  • Profilo online: riporta dati sulla penetrazione del digital nell’uso e nelle infrastrutture del paese selezionato, sulla percentuale di popolazione con accesso a internet, il numero di connessioni ad alta velocità, e in generale lo stato di salute dell’infrastruttura tecnologica del Paese.
  • Comportamento di acquisto: questa sezione è a sua volta suddivisa in tre voci.
    • La prima voce riporta la percentuale di utenti che scoprono l’esistenza di un determinato prodotto, durante una ricerca online.
    • La seconda riguarda la percentuale di utenti che scoprono online un prodotto, attraverso la pubblicità (advertising) e non come risultato di una ricerca online.
    • La terza, molto interessante, riporta invece la percentuale di utenti che usano esclusivamente le ricerche online per scoprire/trovare attività commerciali online.
      A questi dati segue la suddivisione degli usi dell’online nel percorso decisionale d’acquisto: valutazione online per acquisto in negozio; ricerca e ispirazione iniziale; comparazione e ricerca di pareri e consigli online.
  • Logistica: analizza ed espone la situazione logistica e gli adempimenti formali per le attività di import e export nel Paese selezionato. Troverai quindi informazioni circa i tempi e i costi per espletare le formalità necessarie per compilare e trasmettere i documenti per le importazioni e le esportazioni, oltre ai costi relativi a ciascuna formalità.

Pianifica le operazioni

Una volta che avrai individuato l’elenco dei mercati di interesse, Market Finder può aiutarti a pianificare operazioni su misura, tra cui localizzazione, pagamenti, assistenza clienti e assunzioni, oltre ad aspetti di natura fiscale, legale e logistica.

Nella sezione dedicata alla pianificazione, vengono presentati diversi argomenti, che dovrai prendere in considerazione prima di avviare il business in un nuovo mercato. La panoramica di questa sezione è divisa in sei voci, che poi vengono ulteriormente sviluppate con informazioni aggiuntive, link a guide e risorse e link a eventuali partner esterni che possano aiutarti a gestire ogni specifico aspetto in un nuovo mercato, ovvero:

  • Localizzazione: in quali e in quante lingue dovrai tradurre i tuoi contenuti? Di quali servizi avrai bisogno? Quali piattaforme sono più adatte in quel determinato mercato?
  • Pagamenti internazionali: come gestire i pagamenti? Quali opzioni di pagamento fornire ai tuoi clienti?
  • Assistenza clienti: come gestire un Customer Care a livello internazionale? L’outsourcing può essere la soluzione più adatta? O può essere più indicato un canale self service?
  • Logistica internazionale: come gestire la logistica globale relativa alla spedizione di merci a livello internazionale? Come funziona la distribuzione generica? Quali sono le terminologie da conoscere?
  • Reclutamento di talenti: come individuare e reclutare talenti nei nuovi mercati di esportazione? Come attirare i candidati migliori e come selezionarli?
  • Aspetti fiscali e legali: quali sono le implicazioni relative all’avvio di un’attività, al pagamento delle imposte e agli aspetti legali del commercio in nuovi mercati?

Ogni mercato presenta le proprie specificità, e pensare di approcciarvisi semplicemente traslando le pratiche e gli strumenti a cui sei abituato nel tuo attuale mercato di riferimento potrebbe avere effetti molto negativi. Le guide e gli approfondimenti di questa sezione ti aiuteranno ad evitare errori e a programmare ogni step nel modo migliore.

Entra nel mercato

Qui Big G presenta le sue soluzioni in termini di strategie e strumenti di marketing, con preciso riferimento ai propri strumenti pubblicitari a pagamento per promuovere la tua attività presso i clienti globali, attraverso sei box:

  • Strategia di marketing globale: offre informazioni utili sulla pianificazione di una nuova strategia di marketing in un nuovo mercato estero.
  • Misurazione e prestazioni aziendali: qui troverai alcune informazioni utili su come analizzare e misurare i risultati globali dell’espansione della tua attività in nuovi mercati esteri. Ricorda che senza la definizione di obiettivi e KPI, non ha senso alcuna azione.
  • Agenzie per la crescita internazionale: presenta un elenco delle Agenzie Google Partners che ti possono aiutare a creare campagne di marketing online in nuovi mercati.
  • Pubblicità associata alla ricerca: raccoglie alcune informazioni utili su come utilizzare la pubblicità e l’ottimizzazione per i motori di ricerca quando entri nel mercato globale.
  • Pubblicità display: spiega come utilizzare la pubblicità display nei nuovi mercati.
  • Pubblicità video: presenta informazioni e strumenti per l’utilizzo della pubblicità video a livello globale.

Concludendo

Market Finder aggrega quindi molte informazioni provenienti da fonti diverse, attraverso un’interfaccia intuitiva e graficamente piacevole. Non è un servizio di Business Intelligence e, ovviamente, non è in grado di sostituirsi ad un accurato lavoro di analisi preliminare per valutare tutti i fattori coinvolti nell’avvio di un business digitale in un Paese straniero.

Market Finder è un ottimo strumento per iniziare a considerare l’idea di una espansione in uno o più mercati esteri e per prepararsi a gestire al meglio particolari aspetti critici o di opportunità.

Oggi in tutto il mondo ci sono 3,7 miliardi di persone online, e secondo le previsioni del presidente esecutivo di Google, Eric Schmidt, la popolazione collegata ad Internet raggiungerà gli 8 miliardi entro il 2020.

Tutto ciò significa che per la tua impresa si aprono vastissime e potenzialmente illimitate opportunità di raggiungere e coinvolgere nuovi clienti all’estero.

Se ti stai chiedendo se la tua azienda sia pronta a sfruttare l’espansione digitale globale per crescere ed espandersi in nuovi mercati, Market Finder è sicuramente il primo passo da compiere per scoprirlo.

Stefano

Dal 2001 scrivo per siti internet e blog (passando per quelle che una volta erano le webzine, le community, ecc ecc). Lavoro in proprio come freelance e collaboro con diverse agenzie di comunicazione e ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress