Pavone

Come presentare al meglio la propria azienda ad un cliente

Consigli per dare ai clienti una buona impressione già dal primo appuntamento

La domanda più ricorrente tra imprenditori, freelance, titolari e dipendenti spesso a contatto col pubblico è come presentare al meglio l’azienda ad un cliente per spingerlo a firmare il contratto. Dubbio lecito da risolvere senza perdere tempo!

Se anche tu fai parte del club, accomodati, rilassati e segui alla lettera i nostri consigli che, oltre a permetterti di fare buona impressione sul referente del colloquio, ti aiuteranno anche a gestire l’intera situazione in maniera magistrale.

Gli aspetti su cui devi prestare massima attenzione sono tanto semplici quanto fondamentali e si riassumono nei seguenti punti:

Diventa detective

Prima di presentarti all’incontro cerca informazioni quanto più precise possibile sul responsabile e sulla sua impresa: entra nel sito, documentati in Google ed individua prodotti-servizi offerti, target di utenti a cui si interessa, mercati nei quali è presente-vuole entrare, partner di fiducia, competitor, ecc. Questo è l’unico modo concreto per fargli capire di avere la situazione chiara e di essere un profilo serio che non lascia nulla al caso.

Non dimostrarti egocentrico

Se hai la pretesa di entrare nell’ufficio del cliente e descrivergli vita, morte e miracoli delle tue performance passate per convincerlo che sei il numero uno, commetti un gravissimo errore, perché a prendere il sopravvento sarà sicuramente la noia: rimbambire chi ti sta davanti con informazioni che non lo riguardano direttamente non serve proprio a nulla. L’ideale è dare qualche buona referenza, se necessario al massimo un paio di casi di successo molto simili alla situazione del cliente, poi semplicemente drizza le orecchie ed ascolta con attenzione tutto ciò che l’interlocutore può dirti per aiutarti a comprendere meglio le sue esigenze (Leggi anche: Come capire il Cliente: consigli per scoprire cosa vuole).

Realizza una presentazione su misura

In fase di raccolta informazioni su azienda-cliente che stai per incontrare, devi raccogliere tutte le specifiche che ti consentano di preparare una presentazione ad hoc, capace di descrivere in modo conciso ma completo gli interventi da eseguire o le possibilità di fornitura. Stilare un documento standard o sprovvisto di stile e carattere ti mette in cattiva luce perché, in previsione del fatto che il referente potrebbe accettare la tua proposta e cominciare a pagarti, è probabile che voglia sentirsi al centro delle tue attenzioni fin dall’inizio e con una presentazione palesemente generalista gli darai l’impressione di essere solo l’ennesimo appuntamento della tua agenda.

Evita colloqui piatti e sterili monologhi

Quando incontri il responsabile di riferimento, inizia il tuo discorso sollecitandolo ad interromperti in qualsiasi frangente per richiedere ulteriori spiegazioni. Se non non lo fa perché comprende tutto al volo, fallo tu con domande dirette e frequenti sulla sua attività e con affermazioni che lo interessino stimolandolo ulteriormente alla partecipazione facendolo sentire parte attiva della trattativa.

Trasformati nel salvatore della patria

Se vuoi davvero colpire nel segno, devi calarti nella parte e diventare la figura di cui il cliente ha davvero bisogno: l’unica in grado di comprendere e, soprattutto, di risolvere eventuali problematiche, che gli permettano di raggiungere i risultati desiderati nelle tempistiche stabilite. Così facendo, oltre a guadagnare la sua fiducia, diventerai anche un vero e proprio punto di riferimento sia per il responsabile stesso che per l’azienda.

Ecco i nostri cinque validi consigli per presentare la tua figura professionale e i tuoi servizi e prodotti nel modo corretto già durante il primo colloquio: dei semplici suggerimenti da sfruttare al massimo tutte le volte che entri in contatto con referenti e realtà commerciali interessanti.

photo credit: 一元 马 via photopin cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *