Contributi inps e professionisti: arriva lo sconto per partite iva

Contributi inps, freelance e liberi professionisti: arriva lo sconto per partite iva

Arrivano sconti sui contributi INPS per partite IVA di freelance e di liberi professionisti. Vediamo nel dettaglio le novità in materia

Per le partite IVA dei lavoratori autonomi non iscritti a Ordini professionali arriva lo sconto sui contributi Inps: questa l’ultima dichiarazione recentemente rilasciata dal Premier Matteo Renzi, che spiega agli italiani come la nuova manovra ipotizzata a livello governativo consentirà ai 500.000 freelance e liberi professionisti presenti nella penisola di risparmiare una cifra pari a circa 1.000 euro l’anno.

break-voice
Costi attuali e possibili costi futuri

Allo stato attuale dei fatti, l’aliquota per le partite IVA dei lavoratori iscritti alla gestione separata Inps corrisponde al 27%, a cui si deve sommare un ulteriore 0,72% di quota maternità. Anche se la Riforma Fornero (legge 92/2012) prevedeva un incremento progressivo di tale quota (dal 27,72% al 33,72% entro il 2018), negli anni nulla è aumentato grazie alle Leggi di Stabilità 2014-2016 e alla conversione del decreto Milleproroghe del 2015.

Per quanto riguarda il futuro, il già citato sconto sui contributi Inps riservato dal governo a freelance e liberi professionisti dovrebbe essere reso possibile grazie a:

  • una diminuzione dell’aliquota di 2 punti percentuali (dal 27% al 25%), che avvicinerebbe questa categoria di lavoratori ad artigiani e commercianti (24%);
  • un innalzamento della contribuzione per spese assistenziali come la malattia e la maternità, che dovrebbe passare dallo 0,72% a una cifra inclusa tra 1 e 1,5%.

Così facendo le partite IVA degli autonomi, oltre a prevedere contributi Inps pari a massimo il 26-26,5%, avrebbero anche un notevole rafforzamento per quanto riguarda le prestazioni assistenziali destinate ai suddetti lavoratori.

break-voice

Jobs Act degli autonomi

Tra le nuove misure pensate per freelance e liberi professionisti rientra anche il Jobs Act degli autonomi: un provvedimento approvato lo scorso fine luglio dalla Commissione Lavoro del Senato, che aggiunge al testo originario redatto dal Governo una serie di importanti norme dedicate alla malattia. Norme volte a equiparare la degenza domiciliare alla degenza ospedaliera, la cui applicazione interesserà indistintamente:

  • i casi oncologici;
  • le patologie cronico-degenerative;
  • i disturbi generanti instabilità lavorativa temporanea del 100%;
  • chiunque necessiti di congedi parentali (riconosciuti a entrambi i genitori).

Riguardo a quest’ultimo punto, va specificato che tali congedi, se usufruiti da madre e padre, non possono superare il limite massimo di sei mesi, anche nel caso in cui un solo genitore è iscritto nelle liste della gestione separata.

Oltre a tutto ciò, nel documento è anche presente una modifica che riguarda il versante fiscale: l’approvazione della manovra prevede che i costi di vitto e di alloggio destinati all’esecuzione di un nuovo incarico e sostenuti dal committente non vadano più visti come compensi in natura per il professionista.

Photo credit: Becky Sterncc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *