Mettersi in proprio: 7 consigli per la me stessa 24enne

Mettersi in proprio: 7 consigli per la me stessa 24enne

Mettersi in proprio e diventare imprenditore: i preziosi suggerimenti di Tiffany Sauder per la “se stessa giovane”

Quando un giovane professionista decide di mettersi in proprio, a cosa dovrebbe prestare attenzione nel cominciare il suo percorso?

Anni di carriera creano un bagaglio esperienziale unico e i 7 consigli che, Tiffany Sauder (presidente di Element Three, agenzia di marketing e comunicazione nella selezione di Inc.5000), ha scritto per la “se stessa 24enne” ci hanno colpiti particolarmente.

Speriamo che siano di ispirazione anche per te!

break-voice

#1 – Sfrutta le tue esperienze passate e le conoscenze acquisite, senza cercare di essere qualcun altro

Quante volte ti sei trovato a pensare che se tuo padre fosse stato un manager di successo o se avessi vissuto in una grande città, sarebbe stato più facile realizzarti dal punto di vista professionale?

A prescindere dal contesto in cui ti trovi e dalle persone che ti circondano, nel corso degli anni hai comunque fatto esperienze ed acquisito conoscenze importanti che, anche se adesso non te ne accorgi, ti hanno trasformato in una persona dall’incredibile potenziale: considerarsi inferiori o cercare di essere qualcun altro è sempre sbagliato, perché chiunque può raggiungere traguardi straordinari semplicemente partendo dai propri trascorsi.

break-voice

#2 – Evita le persone che ti dicono soltanto ciò che vorresti sentire

Se la maggior parte dei tuoi conoscenti tende a dirti sempre ciò che vorresti sentire solo per compiacerti, impegnati fin da subito a stringere nuove relazioni con individui capaci di contraddirti e/o di farti notare quando sbagli.

Un buon amico o collega è quello che ha il coraggio di aprirti gli occhi spronandoti ogni giorno a di fare meglio, anche se sei in netto disaccordo con il suo punto di vista.

Un compagno prezioso che ti aiuta a superare i limiti e le difficoltà con argomentazioni costruttive, dalle quali puoi partire per migliorare te stesso: nella scelta di mettersi in proprio, le frequentazioni giocano un ruolo fondamentale, perché le persone giuste ci consentono di migliorarci a livello personale ma anche professionale.

break-voice

#3 – Non permettere alle difficoltà di schiacciarti

Nel preciso momento in cui ti convinci di non riuscire a superare una certa complicazione diventi un perdente, perché abbandoni l’obiettivo iniziale e smetti di combattere. E’ troppo comodo affrontare i problemi nascondendo la testa sotto la sabbia, invece di rimboccarsi le maniche per ottenere il risultato desiderato. Troppo comodo e sicuramente poco proficuo.

Sappi che a forza di fare cose difficili, il tuo livello di sopportazione cresce insieme alla tua capacità di risolvere le situazioni complesse e per gestire al meglio anche le peggiori avversità, devi prenderle di petto ogni volta che si presentano senza mai avere paura: diventare imprenditore significa tra le varie cose anche dimostrare il coraggio di opporsi a qualunque genere di insidia.

break-voice

#4 – Imposta la tua vita a seconda di come vuoi trascorrerla

Ambisci a garantirti un’esistenza incentrata sulla carriera e sul successo lavorativo? Allora devi sicuramente impostarla in maniera tale da raggiungere l’obiettivo. Come Fare?

Concentrati sul traguardo e definisci gli elementi essenziali che dovrebbero fare parte della tua vita nel breve e nel lungo periodo. Che si tratti di persone, ambienti, opportunità o situazioni, devi fare tutto il possibile per metterti nella condizione di diventare niente meno di chi vuoi essere davvero: per trasformarsi in un professionista di successo bisogna costruire la propria quotidianità in un contesto compatibile con le esigenze personali, avvicinandosi a tutti quei componenti capaci di semplificare l’operazione rendendola più abbordabile.

break-voice

#5 – Ammetti le tue debolezze

Quando ti relazioni con qualcuno, non fingere di essere sempre perfetto o di sapere qualunque cosa, perché rischi di mettere in soggezione l’altra persona, maldisponendola nei tuoi confronti.

Invece di farti vedere come un saputello tutto fare, ammetti i tuoi limiti spingendo l’interlocutore ad avere con te una conversazione proficua e poniti al suo livello per impostare un discorso costruttivo, tramite cui entrambe le parti abbiano la possibilità di apprendere qualcosa di utile: spesso e volentieri, il semplice fatto di dimostrarsi umili, aiuta a stringere con il prossimo relazioni durature su cui poter contare in futuro.

break-voice

#6 – Dedica ad ogni cosa il giusto tempo

Visto che, proprio come dice il proverbio, volere è potere, se credi sia impossibile essere contemporaneamente un grande imprenditore, un buon amico, un bravo padre ed un marito presente, ti sbagli di grosso, perché con il giusto impegno puoi diventare chi vuoi.

Dedizione, costanza e tenacia ti aiutano sempre nel raggiungimento di qualunque traguardo, quindi, se ambisci a migliorarti, comportati in maniera tale da raggiungere l’obiettivo: individuare le priorità e dedicare a ciascuna il giusto tempo è il modo corretto per ottenere dei buoni riscontri in qualsiasi situazione della vita.

break-voice

#7 – Non farti ossessionare dai risultati e concentrati sulla prossima decisione

Se tutti i giorni impazzisci cercando di fare la cosa giusta o di prendere la decisione migliore, fermati, tranquillizzati ed accetta il fatto di poter commettere dei passi falsi proprio come qualunque altra persona al mondo.

Visto che dagli sbagli generalmente si impara, una scelta scorretta di oggi si traduce con molte probabilità in una mossa vincente di domani: per ottenere delle vittorie, invece di farsi ossessionare dai buoni risultati, è molto meglio concentrarsi sulle decisioni future evitando gli errori del passato.

Questi i 7 consigli di Tiffany Sauder, consigliati per i giovani che vogliono mettersi in proprio: suggerimenti preziosi da sfruttare al massimo per diventare imprenditori di successo.


Scarica e Prova Gratis Easyfatt - Il software di fatturazione più usato in Italia.



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *