Il preventivo per gestione campagne Adwords: guida per aziende

Il preventivo per la gestione di campagne AdWords: una guida per le imprese a quali informazioni dare e pretendere

Trovare nuovi partner con cui collaborare richiede attenzione, una scelta errata può portare a spreco di tempo e risorse. Ecco una piccola guida per orientarsi meglio in fase di selezione di un’agenzia di consulenza AdWords

Ti sei mai chiesto quali sono le informazioni base da fornire e le domande da porre ad un’agenzia nel momento in cui chiedete un preventivo per delle campagne AdWords?

Facciamo un breve riepilogo dei dati principali che dovrebbero essere scambiati fra cliente e agenzia per consentire al primo di capire se ha a che fare con dei professionisti preparati e ai secondi di avere tutto ciò che è necessario per sviluppare una proposta articolata ed efficace per una campagna pay per click.

break-voice

Preventivo AdWords: le informazioni da fornire all’agenzia

Nel momento in cui un’azienda si presenta ad un’agenzia per richiedere un preventivo AdWords deve essere in grado di fornire tutte le informazioni di base necessarie per consentire ai professionisti di capire nel dettaglio quali sono le esigenze effettive.

Partendo con i presupposti sbagliati, infatti, si corre il rischio di avviare strategie errate e dover ricominciare dall’inizio per correggere eventuali errori commessi con un ingente spreco di risorse e tempo.

Le informazioni di base che l’azienda deve essere in grado di fornire sono:

  • Obiettivi: cosa ci aspettiamo dalla campagna? Quali sono le azioni che vogliamo siano  compiute dagli utenti? es. acquisto prodotto, compilazione di form di contatto, …;
  • Pubblico: a chi stiamo rivolgendo la campagna? informazione fondamentale per capire con chi vogliamo comunicare e a chi rivolgiamo le nostre offerte;
  • Budget: qual è l’investimento totale previsto per l’iniziativa? in base al budget a disposizione si può capire se:
    • la campagna è effettivamente attivabile e gli obiettivi raggiungibili;
    • quali e quante sono le soluzioni percorribili.
  • Prodotto o Servizio: cosa si deve promuovere? è fondamentale riuscire a passare all’agenzia tutte le informazioni riguardanti i prodotti o servizi commercializzati;
  • Sito e Landing Pages: qual è il sito internet su cui si basa l’attività? andranno realizzate eventuali Landing Pages (pagine di atterraggio) dedicate alla campagna?

Quelli sopra elencati sono i punti basilari di cui discutere con l’agenzia per riuscire a trasmetterle tutti i dati necessari per la valutazione base della possibile struttura di una campagna Google AdWords. Ovviamente, bisognerà comunicare all’agenzia anche se si tratta della prima esperienza con lo strumento o meno.

Se non si tratta della prima esperienza sarà possibile fornirle anche un set di dati riguardanti le precedenti campagne da utilizzare come benchmark e come base di analisi per eventuali processi di ottimizzazione.

break-voice

Preventivo AdWords: le informazioni da chiedere all’agenzia

È fondamentale essere sicuri di poter far completo affidamento sulle competenze dei professionisti che gestiranno attivamente le campagne Adwords.

L’azienda deve provvedere ad approfondire quanto più possibile la conoscenza delle agenzie con cui hanno intenzione di collaborare per i progetti pubblicitari.

Riuscire a capire a priori se un’agenzia è all’altezza del compito che le si vuole affidare non è facile. Ci sono delle informazioni che possono però venire in aiuto dell’imprenditore e dare delle preziose indicazioni in merito, permettendo di scegliere con maggior coscienza il partner con cui collaborare.

Ecco che, possibilmente, le aziende dovrebbero provare a valutare la disponibilità a fornire informazioni/dettagli in merito a:

  • Case history: campagne similari effettivamente gestite dall’agenzia, quale esempio dell’esperienza acquisita in merito allo strumento. Magari chiedendo se i professionisti che hanno condotto effettivamente le campagna fanno ancora parte del team;
  • Audit account: qualora l’azienda stia cercando un partner per l’ottimizzazione di campagne già online, e quindi con un account già in possesso di uno storico, è possibile valutare la disponibilità dell’agenzia alla conduzione di un audit preventivo dell’account AdWords cliente. Gli audit possono portare ad un duplice vantaggio:
    • consentono alle agenzie di vedere con i propri occhi com’è strutturato l’account cliente su cui eventualmente dovrà intervenire e formulare anche una valutazione del preventivo più precisa;
    • consentono alle aziende di avere una prima idea delle effettive competenze e dell’approccio dell’agenzia con cui si sta relazionando.

Il livello di approfondimento sarà da valutare con l’agenzia. Chiaramente più profondo e avanzato sarà il lavoro d’Audit più sarà probabile che l’agenzia richieda il pagamento dell’attività di audit, che potrebbe richiedere anche diverse ore lavoro.

  • Esempio di report fornito: che tipologia di analisi conduce l’agenzia in fase di gestione della campagna? un esempio di report può aiutare a capire che analisi dei dati viene condotta e il livello di approfondimento applicato;
  • Settore di riferimento abituale: è importante capire con che tipo di settore l’agenzia dialoga solitamente. Permette di sapere se vi è una sufficiente conoscenza del mercato a cui ci si vuole rivolgere. Ad esempio, un’agenzia abituata a lavorare con il mondo automotive potrebbe non essere adatta a lavorare con il settore del food&beverage;
  • Geolocalizzazione: facciamo un esempio. In caso la necessità sia quella di promuovere un negozio in una specifica località, dove la clientela potenziale è rappresentata solo da utenti residenti nelle zone limitrofe, è consigliabile affidarsi ad un partner che conosca bene l’area di riferimento e che abbia avuto precedenti esperienze con attività dalle simili esigenze. L’approfondita conoscenza degli utenti e dei bisogni specifici, in questo caso, potrebbe essere un vantaggio competitivo rispetto ad un’agenzia, magari più blasonata, ma molto distante dalla realtà del mercato specifico;
  • Solo Italia o anche estero: se il mercato obiettivo dell’azienda non è geograficamente limitato al solo territorio nazionale, è bene chiedere all’agenzia se ha avuto precedenti esperienze con i mercati stranieri di interesse. A nazioni diverse corrispondono utenti con esigenze e caratteristiche differenti, e spesso potrebbero anche essere necessari strumenti differenti;
  • Portfolio clienti abituali: con che tipologia di clienti è abituata ad avere a che fare l’agenzia? Il rischio è quello di interfacciarsi con un’agenzia o troppo piccola e non sufficientemente strutturata per riuscire a gestire nel modo migliore le campagne o, al contrario, con realtà troppo grandi per dedicare la giusta attenzione all’azienda. Per essere certi di riuscire a instaurare un rapporto professionalmente redditizio per entrambi, è importante trovare un partner che possa dare la giusta importanza al progetto;
  • Tutto farina del loro sacco? sono emersi casi di agenzie che esternalizzano il lavoro a terze parti spesso in paesi stranieri dove il costo del lavoro è molto più basso. Questo le rende più competitive a livello di prezzo ma che spesso questo può anche corrispondere ad una qualità molto inferiore dell’operato.

Gli argomenti riassunti qui sopra sono le basi da cui partire per iniziare un lavoro efficace di selezione del consulente Adwords ideale. E tu, quali altri punti aggiungeresti?

Photo credit: Christophe Benoit cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alessia

Dopo la maturità inizia la mia avventura da cafoscarina, che mi porterà alla laurea in Marketing e Comunicazione. Il contatto, professionalmente parlando, con il mondo "dell'internet" in tutte le sue ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *