Preventivi

Il preventivo perfetto non esiste! 10 regole per avvicinarcisi

Una serie di buoni consigli per realizzare un preventivo che metta il cliente nella condizione ideale di firmare il contratto

E il preventivo come si fa? Se anche tu fai parte del settore imprenditoriale, è molto probabile che ogni giorno debba stilare varie proposte per vendere prodotti o servizi. Ma esiste un metodo standard per produrre una buona quotazione? Certo che sì!

Prima di elencarti i nostri consigli su come fare un preventivo efficace, sappi che la carta vincente non sta soltanto nella competitività dei costi, quanto piuttosto nella maniera in cui ti presenti. Invece di pensare solo ad abbassare il prezzo (col rischio di “svilire” il tuo prodotto o servizio), cerca in tutti i modi di trasmettere sicurezza, competenza e serietà.

Per cominciare in grande stile ricordati sempre di essere rapido nella realizzazione-consegna, dettagliato ma non troppo prolisso e preciso negli argomenti trattati. Cos’altro ti serve per stilare un documento che interessi, soddisfi e convinca? Procediamo per step:

  1. Data: inserisci la data corrispondente al giorno in cui spedisci la proposta;

  2. Scadenza: stabilisci una data di scadenza precisa dell’offerta;

  3. Dati delle parti: ricordati di includere sia i tuoi dati che quelli del cliente (compresi nomi, cognomi, aziende, partite IVA, indirizzi e sedi);

  4. Sintesi e completezza: presenta la proposta in modo semplice, descrittivo ed essenziale, elencando tutti i passaggi necessari a conclude il progetto;

  5. Esposizione del prezzo: riassumi il prezzo complessivo dopo aver fornito l’intera descrizione dei vari interventi, evitando, se possibile, di specificarne singolarmente il costo;

  6. Costi extra: dedica dello spazio all’aggiunta di eventuali spese extra per modifiche, aggiunte e tasse varie da conteggiare a parte;

  7. Tempistiche: definisci le tempistiche di consegna, ricordandoti di sottolineare che i lavori cominciano dopo l’accettazione del preventivo e in caso dopo la ricezione di tutto il materiale;

  8. Pagamenti e anticipi: spiega le modalità di pagamento, e cerca di farti dare un acconto, soprattutto se il saldo previsto è in unica soluzione a fine lavoro;

  9. Note e dettagli: aggiungi una sezione dedicata alle note, nella quale potrai introdurre eventuali dettagli aggiuntivi;

  10. Firma: prevedi uno spazio per la firma del cliente.

In una società frenetica e competitiva come la nostra, stendere un preventivo nel modo corretto diventa essenziale sia per spingere l’interessato ad ingaggiarti che per dare credito alla tua reputazione. Quindi, il consiglio che possiamo darti è cercare di dimostrarti sicuro, preciso ma, soprattutto, concreto.

photo credit: bubbo.etsy.com via photopin cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Scarica e prova subito gratis Danea Easyfatt
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *