SCOPRI I NOSTRI GESTIONALI

Facciamo un bel default!

 

Di questi tempi quando si parla di default tutti pensano subito ai giorni peggiori dell’economia e della finanza … infatti tecnicamente si dice che vanno in “default” aziende, banche o addirittura nazioni incapaci di ripagare i propri debiti!

Fortunatamente la parola default pronunciata da un “informatico” ha un significato ben più innocuo e, collegata al funzionamento di un software, essa sta a significare il valore predefinito che assume una certa impostazione. I valori di default aiutano gli utenti nell’inserimento di nuovi dati perché predispongono già uno scenario “plausibile”, poi eventualmente sarà l’utente ad apportare ritocchi dove necessario. Com’è facilmente intuibile questo meccanismo è essenziale nel processo di semplificazione d’uso d’un programma.

Per fare un esempio, quando si crea una fattura viene già predisposto il numero e la data del documento (e ci mancherebbe altro … è proprio il minimo che si può chiedere ad un software di fatturazione!) e questo indubbiamente rappresenta un bell’aiuto per evitare dimenticanze ed errori. In Easyfatt esistono altri default, ad esempio l’aliquota Iva predefinita e le unità di misura nei nuovi prodotti oppure il tipo pagamento da applicare in fattura.

Per la rev. 14 di Easyfatt 2009, ormai di prossima pubblicazione, stiamo lavorando ad un massiccio aumento delle impostazioni che possono usufruire dei default. Nella maggior parte delle tabelline associate a campi d’inserimento spunterà quindi il fatidico segno di spunta per indicare il valore preferito in quel contesto. A titolo d’esempio, nei documenti ci saranno valori di default per le impostazioni di trasporto, per i campi extra o per le note a piè di pagina così come nei prodotti si potranno decidere valori predefiniti per i campi liberi, per il produttore, l’ubicazione, etc.!

Vanio

Fondatore e AD di Danea Soft. Nato a Padova nel 1972 e grande appassionato di tecnologia, dal 1995 mi occupo full-time della Danea Soft realizzando i primi programmi dell’azienda e dove ora seguo la ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress