SCOPRI I NOSTRI GESTIONALI

Importanti novità nel Modello CU 2020

Cu2020 AdE novità

Ha colto tutti di sorpresa il cambiamento del modo in cui si devono comunicare le spese non soggette a ritenuta d’acconto, già dalle fatture 2019!

 

Il modello CU 2020 approvato dall’AdE con provvedimento del 15 gennaio 2020 presenta una “piccola” novità con impatto di un certo rilievo per le certificazioni di lavoro autonomo.

Abbiamo dovuto attendere spiegazioni e risposte dall’AdE, anche tramite Assosoftware (fonte) per capire come gestire la casistica che andiamo ad esporre.

Rispetto agli anni precedenti, le “altre somme non soggette a ritenuta” dovranno esprimere in maniera distinta la relativa causale, apponendo l’apposito valore nel campo 6:

  • valore 7 > nel caso di erogazione di altri redditi non soggetti a ritenuta (ad esempio il reddito per i regimi forfettari);
  • valore 8 > nel caso di erogazione di redditi esenti ovvero di somme che non costituiscono reddito (ad esempio le spese anticipate).

Quando lo stesso percipiente presenta entrambe le casistiche, nel suo CU ci saranno quindi due distinti moduli.

Come gestirle in Domustudio?

Stiamo lavorando per aggiungere un ulteriore campo nei “dati fiscali” dei movimenti al fine di poter distinguere le “altre somme non soggette” tra quelle destinate al codice 7 e quelle destinate al codice 8 ed avere quindi la possibilità di elaborare il CU 2020. Contiamo di rilasciare l’aggiornamento all’inizio della prossima settimana.

A seguito dell’aggiornamento sarà opportuno verificare le fatture pagate nel 2019, spostando ove necessario gli importi dal campo “altre spese non soggette (cod 7)” al campo “altre spese non soggette (cod 8)”.

Come annullare un invio precedente

Nel caso si debba rifare un CU già trasmesso, si potrà annullare il precedente invio da menu Fisco > Rit. acconto – Certificazioni a fornitori e mod. CU > clic in basso su “Annulla precedenti invii”. Per maggiori informazioni vedere il paragrafo dedicato dell’articolo sul CU 2020.

Il caso dei bolli

Tra le risposte fornite dall’AdE ai numerosi interpelli formulati a seguito delle novità sopra descritte, merita una menzione la risposta n. 67 del 20/2/2020 riguardante il trattamento dei bolli in cui si è sottolineato che:

l’obbligo di apporre il contrassegno sulle fatture o ricevute è a carico del soggetto che consegna o spedisce il documento, quindi … a carico del professionista, in quanto sugli atti e documenti della parte prima della tariffa, tra i quali rientrano i documenti indicati nell’articolo 13 [Tariffa A, parte I, DPR n. 642/72], l’imposta di bollo è dovuta fin dall’origine, vale a dire dal momento della loro formazione”.

Si desume pertanto che il costo del bollo è onere di chi emette la fattura, e non può quindi essere considerato (come si è sempre fatto) una spesa anticipata ma una componente del ricavo/compenso del fornitore.

Scadenze

Ricordiamo le scadenze:

  • trasmissione mod. CU per lavoratori dipendenti e prestatori occasionali, 7 marzo ora prorogato al 31 marzo 2020;
  • trasmissione mod. CU per lavoratori autonomi (ovvero quello che riguarda Domustudio), 2 novembre 2020;
  • consegna mod. CU cartaceo sia a lavoratori dipendenti che autonomi, 31 marzo 2020.
Danea

Sono nata nel 1995 da un'idea a due passi da Padova. Sono dinamica, entusiasta e adoro creare soluzioni semplici per problemi complessi. Sono sempre sul pezzo e sono molto pignola, tanto che mi dicono ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress