Tra le partite Iva spopola il Regime Forfettario: dati e vantaggi

Il regime forfettario è sempre più popolare tra le nuove partite IVA, ma anche tra attività già avviate. Quali vantaggi offre e quali cambiamenti subirà a breve questo regime?

Tra le partite Iva spopola il Regime Forfettario: dati e vantaggi
 

Più della metà delle nuove partite IVA sceglie di aderire al regime forfettario, con un aumento di quasi doppia cifra rispetto all’anno precedente. A riportare il dato è l’ultimo report dell’Osservatorio sulle partite iva del Ministero dell’Economia e delle Finanze, pubblicato il 12 maggio.

Quali vantaggi offre il regime forfettario nuove attività e più in generale alle Partite IVA? Come la situazione a breve cambierà per molte partite iva forfettarie e come queste si possono adeguare? Diamo risposta agli interrogativi.

Il report dell’Osservatorio sulle partite Iva

L’Osservatorio sulle partite iva del Ministero dell’Economia e delle Finanze fornisce su base trimestrale una visione aggiornata sulle partite IVA, attraverso il monitoraggio della loro anagrafica.

Tra i dati esposti nell’ultimo report, emergono i seguenti:

  • Nel primo trimestre del 2022 il numero di partite iva aperte è pari a 188.451, con una variazione praticamente nulla rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+0,2%);
  • il 46,6% delle nuove aperture è localizzato al Nord, il 22,2% al Centro e il 30,8% al Sud e Isole;
  • crescono del +5,5% i nuovi imprenditori di età fino ai 35 anni, mentre calano del -7,9% le attività aperte da persone dai 35 ai 50 anni;
  • 100.594 soggetti hanno aderito al regime forfettario, pari al 53,4% del totale delle nuove aperture. L’aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente è del 9,6%.

Leggi la guida completa al regime forfettario

Regime forfettario: requisiti, semplificazioni e vantaggi

Il regime forfettario riscuote in generale grande successo tra le partite Iva. Le analisi e statistiche sulle dichiarazioni fiscali 2020, elaborate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, nella sezione delle statistiche IRPEF titolari di partita Iva e società di persone, riportano che:

Nel 2019 le persone fisiche titolari di partita Iva che hanno presentato dichiarazione sono circa 3,7 milioni, […] i contribuenti in “regime fiscale di vantaggio” e “regime forfetario” rappresentano ormai quasi la metà dei titolari di partita Iva (47,0%). I soggetti aderenti al regime forfetario risultano circa 1,6 milioni […].

Alla luce di questi dati, viene lecito chiedersi il motivo di una tale elevata adesione al regime forfettario.

Il regime forfettario è un regime fiscale agevolato, l’unico attualmente in vigore in Italia, che prevede un’aliquota del 15%, ulteriormente ridotta al 5% per le nuove attività per i primi 5 anni.

Inoltre, offre una serie di semplificazioni contabili e fiscali, che si possono riassumere nel seguente elenco:

  • esonero dall’applicazione dell’IVA sulle fatture emesse e divieto di esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA assolta, dovuta o addebitata sugli acquisti;
  • esonero dalla registrazione delle fatture emesse, dei corrispettivi e delle fatture di acquisto;
  • esonero dalla tenuta e conservazione dei registri e documenti (con alcune eccezioni);
  • esonero dalla liquidazione, dichiarazione e versamento dell’IVA;
  • esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica (anche se, su questo punto, la situazione cambierà a breve, come vedremo nel paragrafo successivo).

Approfondisci l’argomento nella guida dedicata alle semplificazioni fiscali e contabili del regime forfettario

Per aderire al regime forfettario è necessario rispettare, tra gli altri, i seguenti requisiti:

  • rispettare il limite di ricavi/compensi di 65.000€
  • essere una persona fisica (sono escluse dal regime forfettario le società e le associazioni professionali)
  • sostenere spese per personale dipendente o per lavoro accessorio per un ammontare massimo di 20.000€ lordi

Ulteriori requisiti sono richiesti per accedere alla tassazione agevolata per i primi 5 anni di attività.

Trovi maggiori informazioni nelle seguenti guide di Danea:

Partite IVA in regime forfettario obbligate alla fatturazione elettronica

Il decreto legge 36/2022 estende l’obbligo di fatturazione elettronica ai contribuenti in regime forfettario. Dal 1° luglio 2022, le partite Iva forfettarie che nell’anno precedente hanno conseguito ricavi o percepito compensi superiori a €25.000 sono obbligate ad emettere, ricevere e conservare fatture elettroniche.
Il 1°gennaio 2024 l’obbligo riguarderà tutte i restanti forfettario fino a quel momento esonerati.

Ciò fa venir meno uno degli esoneri che, come abbiamo visto, rientrava nelle semplificazioni fiscali e contabili riservate alle partite Iva in regime forfettario.

Leggi ulteriori dettagli sulla fatturazione elettronica per il forfettario >

L’offerta di Easyfatt per i forfettari

Danea Easyfatt semplifica il passaggio dei forfettari alla fatturazione elettronica. Infatti, il contribuente forfettario troverà già pronte all’uso tutte le impostazioni più utili, come l’indicazione del regime fiscale e le diciture obbligatorie, così da poter iniziare subito a fatturare in serenità.

Easyfatt è un software di fatturazione elettronica completo di tutto (dall’emissione alla conservazione della fatturazione), ma anche un gestionale con:

  • POS digitale integrato per ricevere pagamenti elettronici a norma con il cosiddetto Obbligo del POS,
  • scadenzario dei pagamenti
  • …e molte altre funzionalità che semplificano la gestione dell’attività.

La Licenza Standard di Easyfatt è in offerta speciale per i forfettari.
Scopri tutto sull’offerta di Easyfatt per i forfettari >

Sono nata nel 1995 da un'idea a due passi da Padova. Sono dinamica, entusiasta e adoro creare soluzioni semplici per problemi complessi. Sono sempre sul pezzo e sono molto pignola, tanto che mi dicono ...

Vai agli articoli dell'autore >