Obiettivi aziendali: 6 pietre miliari per i tuoi primi 5 anni

Obiettivi aziendali: 6 pietre miliari per i tuoi primi 5 anni da imprenditore

Alcuni suggerimenti per non ricadere nel 40% di imprese che non supera il quinto anno di vita

 

Non è bello ricordarlo, ma è la dura verità: in Italia la maggior parte delle nuove imprese non supera i 5 anni di vita. I motivi sono molti, e dipendono da cause sia esterne che interne. Per approfondire ciò che differenzia le attività e i professionisti di successo dalle realtà che falliscono e chiudono, puoi leggere l’analisi Danea: Imprenditori e Imprese Vincenti.

Se hai intenzione di aprire un’attività, non puoi fare a meno di tenere in considerazione almeno 6 elementi, che corrispondono ai 6 step fondamentali per poter condurre il tuo business dagli albori al superamento della fatidica soglia dei 5 anni. Superare questa soglia significa dimostrare che la tua attività ha le basi e le potenzialità per mantenere la propria posizione sul mercato e addirittura iniziare a pensare a crescere.

Significa, in altre parole, che puoi darti una pacca sulla spalla e dirti di essere un bravo imprenditore.

Ognuno di questi step può a tutti gli effetti considerarsi una pietra miliare, una tappa determinante per il tuo successo.

break-voice

Step #1: un Business Model capace di generare profitto

Il tuo modello di business dovrebbe rappresentare la storia della tua impresa e le motivazioni stesse della sua esistenza, rispondendo a tre domande cruciali:

  • Chi è il tuo cliente?
  • Quanto vale in termini di potenziale profitto?
  • In che modo e a quali costi puoi rispondere alle sue esigenze?

Se hai già in mente le risposte a queste domande, sei sulla buona strada.

Mettere a punto il tuo Business Model è il passo più importante, il primo traguardo che devi assolutamente raggiungere. Prenditi tutto il tempo necessario per elaborarlo e definirlo nei minimi dettagli, senza mai perderlo di vista. Un Business Model non è per sempre. Dovrai aggiornarlo, modificarlo, ottimizzarlo man mano che la tua attività procede. L’importante è partire da una buona base ad esempio sfruttando degli schemi, anche detti Business model canvas.

break-voice

Step #2: acquisire il primo cliente ripetitivo e fidelizzato

Il tuo business inizia a generare profitti grazie ai primi clienti. Molto bene. Ma il vero secondo traguardo da raggiungere è ottenere un nuovo acquisto da un cliente già acquisito.

È un passo molto importante non soltanto in termini di profitto, ma soprattutto a livello motivazionale: vuol dire che quel cliente è rimasto soddisfatto ed è tornato a rivolgersi a te. Vuol dire che sei stato capace di rispondere alle sue esigenze e di indurlo a preferire te rispetto alla concorrenza confermando la sua preferenza.

Leggi anche: Gestione clienti: 6 dritte per fidelizzare e creare una relazione con il cliente duratura

break-voice

Step #3: elaborare una strategia di Marketing concreta e scalabile

No Marketing, No Business. Inutile girarci intorno. La giusta analisi degli obiettivi aziendale e la giusta strategia di marketing possono non soltanto migliorare il tuo business, ma anche aprire a nuove opportunità.

Se decidi di affidarti ad agenzie o consulenti esterni, ricordati che nessuno ti regala niente. Se spendi poco, otterrai poco. Se decidi di investire in una consulenza, assicurati di potertelo permettere e di affidarti a professionisti seri. L’altra strada consiste nel rimboccarti le maniche, documentarti, studiare cosa fanno i tuoi competitor e occupartene tu, magari con l’aiuto di una risorsa interna e/o investendo il tuo budget nella formazione.

Unendo il tuo spirito d’iniziativa alla capacità di delegare potrai avere un ruolo diretto ed un coinvolgimento personale nel marketing del tuo business, con la sicurezza di essere supportato da chi ha le necessarie competenze in materia.

Una volta comprese le dinamiche di marketing più efficaci per il tuo business, potrai definire una strategia scalabile, ovvero in grado di aumentare la portata senza incidere sui costi nella stessa proporzione.

Leggi anche: Piano di Marketing: 4 domande da cui partire

break-voice

Step #4: reclutare e formare un team affiatato

Iniziare un’impresa da soli è certamente stimolante, per quel brivido di avventura e quella sensazione di indipendenza che tutti noi sognamo. Ma da soli si arriva comunque fino ad un certo punto. La selezione del personale e la formazione di un team che possa supportare e far crescere la tua attività è un altro traguardo fondamentale.

Prima ancora di selezionare i tuoi nuovi collaboratori, dovrai definire di quali risorse hai realmente bisogno. E cosa ti puoi permettere in termini di rapporto costi/benefici, creando eventualmente una lista delle figure professionali che ritieni necessarie e reclutandole in base alle priorità che ti sei dato.

Elabora un piano di formazione e affiancamento per mettere le nuove risorse nella condizione di poter svolgere prima possibile il proprio lavoro in autonomia, e valuta i candidati non soltanto sulla base delle loro esperienze e referenze, ma cercando di comprenderne l’attitudine al lavoro di squadra, la capacità di adattamento e il loro interesse e coinvolgimento verso il tuo business.
break-voice

Step #5: diventare un punto di riferimento nel tuo settore

I profitti vanno alla grande, i clienti sono soddisfatti, il tuo team è una bomba. Il nuovo traguardo è consolidare la tua autorevolezza e la tua reputazione nel tuo campo.

Leader nel settore? Vola basso. Ormai tutti sono “leader nel settore”, è un concetto che non ha più senso a meno che tu non sia Google, Microsoft, Uber ecc.

Limitiamoci a “punto di riferimento” o “importante player”. È già un ottimo risultato.

Bene, anche se il tuo business non è strettamente legato a Internet, è fuori di dubbio che oggi il Web sia il canale più efficace per farsi conoscere e riconoscere. Utilizzalo per creare contenuti, per informare, per interessare i tuoi clienti ma anche i tuoi fornitori ed i tuoi concorrenti. Acquisisci autorevolezza, diventa o fai diventare il tuo brand un influencer accreditato. Un blog aziendale e/o Linkedin possono essere ottimi veicoli per sviluppare una strategia di content marketing in grado di comunicare la tua competenza nel tuo ambito di attività, aumentando la percezione e la reputazione del tuo brand.

A questo puoi unire la partecipazione a convegni e forum, in cui esporre la tua esperienza ed i tuoi casi di successo.

break-voice

Step #6: raggiungere i tuoi obiettivi economici

È il momento di fare un bilancio, e vedere quali frutti hanno portato un business model ben elaborato, una base clienti consolidata, una strategia di marketing efficace, una squadra competente e affiatata, il riconoscimento del tuo brand. Ovvero: quanto hai guadagnato?

Per poter avere un metro di riferimento è necessario impostare una serie di obiettivi, e prefiggersi di raggiungerli uno ad uno.

Andare in pari con gli investimenti iniziali, fissare un obiettivo di fatturato da raggiungere entro un certo periodo, puntare a superarlo di una certa percentuale dopo un altro lasso di tempo, Raddoppiarlo, triplicarlo e così via.

Condividi questi obiettivi aziendali con il tuo team, in modo che tutti si sentano coinvolti e diano il proprio contributo.

Se seguirai questo percorso, sarai tra quelle aziende che hanno superato con successo i primi cinque anni di attività, e potrai puntare ad altri 10, 20, 100 anni.

Photo credit: Andrés Nieto Porrascc


Scarica e Prova Gratis Easyfatt - Il software di fatturazione più usato in Italia.



Scarica e prova subito gratis Danea Easyfatt
Alessia

Dopo la maturità inizia la mia avventura da cafoscarina, che mi porterà alla laurea in Marketing e Comunicazione. Il contatto, professionalmente parlando, con il mondo "dell'internet" in tutte le sue ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *