Mission e vision aziendale: definizione e differenze

Mission e vision aziendale: cosa sono e quali sono le differenze

La corretta gestione aziendale passa anche attraverso l’accurata definizione della vision e della mission dell’azienda stessa. Vediamo nel dettaglio cosa sono, in cosa differiscono e le rispettive caratteristiche

Visto che, da che mondo è mondo, il primo modo per garantire successo ad un’attività commerciale è quello di identificare con precisione le caratteristiche del suo core business, risulta evidente quanto, ancora prima dell’avvio, diventi necessario definire fattori essenziali come:

  • la mission e la vision aziendale;
  • gli obiettivi del breve e del lungo periodo.

Una pratica adatta ad ogni tipologia di impresa che, seppur estremamente utile e talvolta addirittura doverosa, viene spesso e volentieri trascurata da molti imprenditori a causa della loro scarsa esperienza nel ruolo ricoperto o, peggio ancora, con la futile scusante legata ad una mera mancanza di tempo.

Appurato il fatto che la vision e la mission dell’azienda detengono un’importanza indiscutibile in fase di lancio e crescita del business, cerchiamo quindi di descriverle con la massima chiarezza, spiegandone le caratteristiche ed evidenziando quelle differenze capaci di renderle indispensabili l’una per l’altra.

break-voice

Vision aziendale

Nell’economia della gestione d’impresa, la vision aziendale indica una sorta di vera e propria proiezione dello scenario immaginato dall’imprenditore nel futuro. Uno scenario basato su valori, ideali ed aspirazioni della persona da trasmettere in modo paritetico all’attività commerciale, fornendo l’esatta anticipazione ideologica di elementi quali:

  • la sua struttura interna ed esterna;
  • i mercati da abbracciare;
  • i prodotti-servizi da offrire;
  • le manovre da adottare per raggiungere il successo;
  • gli obiettivi.

Per rendere la vision aziendale davvero efficace, questa deve essere specificata, esplicata e, soprattutto, condivisa con i vari livelli dell’intera organizzazione, facendo comprendere alle singole risorse del team dove effettivamente si voglia fare arrivare l’impresa nel corso del tempo.

break-voice

Mission aziendale

Se, come si è detto, la vision rappresenta una specie di sogno volto a definire lo scopo per cui un’attività commerciale esiste, la mission aziendale detiene l’onere di trasformare i concetti astratti proposti dalla stessa vision in qualcosa di concreto e capace di dare un ruolo effettivo all’impresa.

In poche parole, è come se la mission (che quindi rappresenta il sentiero da seguire per realizzare la vision), servisse a stabilire le risorse da adoperare al fine di raggiungere determinati obiettivi fissati all’inizio. Chiaramente, affinché questi due elementi (vision e mission) possano dare degli effettivi riscontri, devono sempre procedere di pari passo.

Oltre a ciò va poi anche detto che la mission (rispetto alla vision) ha la facoltà di mostrare con maggiore evidenza le modalità per arrivare ai risultati stabiliti, focalizzandosi in modo più accentuato sul presente e fornendo un buon piano operativo contenente le azioni da svolgere giorno per giorno.

Se l’intento primario dell’imprenditore è quello di ottenere delle grandi performance dalla propria realtà commerciale, nello spiegare come raggiungere la vision, la mission deve necessariamente spiccare per chiarezza e sinteticità. Al suo interno vanno poi sempre inseriti elementi come:

  • la storia dell’impresa;
  • il motivo della sua esistenza;
  • il target di utenti;
  • i valori che guidano l’azione;
  • gli strumenti da utilizzare;
  • i bisogni a cui rispondere;
  • le preferenze della proprietà;
  • le risorse disponibili;
  • le differenze con la concorrenza.

Queste le definizioni e le differenze tra mission aziendale e vision aziendale: due concetti da prendere in considerazione ogni giorno per garantire alla propria impresa prosperità e buona organizzazione.

Photo credits: jmettraux cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *