SCOPRI I NOSTRI GESTIONALI

5 Modi per chiedere recensioni ai clienti, senza sembrare invadenti

Ottenere recensioni dai nostri clienti è essenziale e, una volta conquistate, bisogna farle fruttare al meglio inserendole nei nostri strumenti di marketing.

 

Uno dei migliori modi per aumentare la reputazione online del nostro marchio è quello di ottenere delle buone recensioni dai nostri clienti. Se ci dovesse venire qualche dubbio a riguardo basta spulciare il report del 2013 del Survey B2B Content Marketing in cui viene evidenziato che i testimonial sono più efficaci di ogni altro tipo di content marketing.

In effetti cosa può essere più efficace di una raccomandazione fatta personalmente, magari da qualcuno che conosciamo?

Sull’efficacia non si discute, ma il problema è che non tutti i nostri clienti ci lasciano una recensione in modo spontaneo. Chiederla direttamente, d’altro canto, potrebbe sembrarci strano e darci l’impressione di elemosinare qualcosa da loro.

Fortunatamente esistono dei modi per chiedere recensioni ai clienti senza farci sembrare invadenti nei loro confronti: eccone cinque.

1. Dulcis in fundo

Uno dei momenti più adatti per chiedere recensioni è proprio appena terminato il progetto che abbiamo sviluppato con il cliente in questione. Questo perché lo raggiungiamo proprio nel momento in cui è più soddisfatto della nostra collaborazione. Quindi subito dopo avergli spedito il lavoro, possiamo allegare un questionario da compilare che riguardi il prodotto, ma anche la relazione instaurata con l’azienda.

Nessuno dei clienti troverà strano rispondere a qualche domanda arrivati a questo punto della collaborazione.

NB: Esistono interessanti tool online per creare un questionario semplice e per riutilizzarlo più volte. Segnaliamo Google Forms, Survey Monkey e Qualtrics.

2. Sfruttare quello che i clienti ci dicono

Non è affatto raro ricevere apprezzamenti e interessanti feedback dai clienti, in modo del tutto spontaneo, attraverso email, messaggi, o persino sui social media. Quello che ci basta ottenere è il permesso della persona per trasformare i suoi apprezzamenti in una testimonianza da pubblicare sul sito. L’importante è ottenere il benestare della persona che li ha scritti, altrimenti potremmo incorrere in problemi di privacy. E oggi con la privacy non si scherza.

3. Realizzare piccoli video durante gli appuntamenti

Anche il video fatto con lo smartphone, in velocità, si può trasformare in una recensione vera e propria. Capita spesso di incontrare i clienti per discutere dei progetti attivi, e proprio durante una di queste riunioni si può chiedere loro di dire di fronte alla telecamera (va benissimo quella del nostro telefono) quando sia interessante lavorare con noi. Oppure, subito dopo aver ricevuto i complimenti da parte di un cliente, possiamo chiedere se è un problema ripetere le stesse cose di fronte alla telecamera. Ovviamente, in entrambi i casi le persone vanno informate su quale siano la distribuzione e l’uso del video, ed è necessario far loro firmare un consenso in merito.

4. Scambio di recensioni

Non è così raro lavorare con un cliente e poi ritrovarsi a diventare noi stessi un suo cliente. In questi casi particolari un’ottima idea è proprio quella di chiedere uno scambio di recensioni.

Un appunto: non facciamo l’errore di dire che lasceremo il nostro commento solo se l’altro lo farà a sua volta. Poniamoci in un’ottica più costruttiva dicendo che abbiamo già lasciato una recensione sul suo sito, e poi lo incoraggiamo a fare lo stesso.

Un altro appunto necessario: chiediamo recensioni solo ad aziende che hanno utilizzato i nostri prodotti davvero. L’esatto contrario non è etico e se dovesse venire a galla potrebbe anche essere controproducente.

5. Sostenere la richiesta con un complimento

Chiedere una recensione, anche in modo diretto, non è un qualcosa di strano o imbarazzante, lo diventa quando noi lo facciamo diventare così.

Sicuramente il problema più grosso è iniziare, rompere il ghiaccio. Un metodo efficace per togliere l’imbarazzo è iniziare con un complimento. Vogliamo fare subito un esempio? Iniziamo con una frase tipo:“La tua opinione è molto importante per me”, e proseguiamo con “ti dispiacerebbe condividere i tuoi pensieri?”. Espressioni di questo tipo avvicinano il cliente allo scopo e, soprattutto, esprimono gratitudine.

Ora che sappiamo come chiedere recensioni ai clienti senza cadere vittima dell’imbarazzo, prepariamoci a inserirle nei nostri strumenti di marketing. Possiamo usarle nelle pagine del sito, sui contatti, come post nel nostro blog, ma anche nelle campagne sui social media. Nel corso del tempo le recensioni produrranno un certo impatto nel nostro business, facendo aumentare le conversioni e diminuire i tempi tra il primo incontro e la stipula del contratto. Chi le leggerà e diventerà un nostro cliente sarà anche più incoraggiato a lasciarle in modo spontaneo, generando un circolo virtuoso che gioverà soprattutto alla nostra reputazione.

Elisa

Come sempre mi capita quando mi viene chiesto di parlare di me, mi ritrovo in grande difficoltà. Questo perché le definizioni mi sono sempre andate strette. Quello che posso dire su di me è che sono ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress