Fattura campioni gratuiti, imponibilità IVA e cessione gratuita dei beni

La fattura per campioni gratuiti di modico valore e i requisiti per la non imponibilità IVA

Le caratteristiche di tali tipologie di cessioni e i conseguenti adempimenti fiscali

 

Nell’ambito della vasta tematica delle cessioni gratuite di beni (omaggi) occupano una posizione rilevante,  in quanto frequentemente utilizzati soprattutto da certe categorie di aziende, i cosiddetti “campioni gratuiti di modico valore”. Andiamo ad analizzare quali sono le caratteristiche di tali tipologie di cessioni e in particolare i conseguenti adempimenti fiscali.

In generale i campioni omaggio sono beni che rientrano nell’attività propria dell’impresa con la finalità di promuovere la vendita degli stessi attraverso un’operazione di propaganda o per controlli di qualità del prodotto stesso. Sono beni quindi che presentano le stesse caratteristiche qualitative di un certo tipo di bene venduto dall’azienda ma in genere (anche se, come vedremo non è un requisito obbligatorio) hanno dimensioni molto più modeste e sono tali da non poter essere venduti.

Da un punto di vista fiscale dobbiamo mettere subito in evidenza che, al contrario delle cessioni gratuite di beni oggetto dell’attività d’impresa, l’art. 2, comma 3 lett. d) del  D.P.R. 633/1972 prevede che le “cessioni di campioni gratuiti di modico valore appositamente contrassegnati” non sono considerate cessioni di beni e pertanto escluse dal campo di applicazione dell’IVA.

Definita la regola fiscale dobbiamo prestare particolare attenzione ai requisiti richiesti affinchè sia applicabile tale esclusione da IVA per non incorrere in contestazioni da parte dell’amministrazione finanziaria.

break-voice

Requisiti dei campioni gratuiti ai fini dell’esclusione dal campo di applicazione dell’IVA.

Affinchè a tali cessioni non si applichi l’IVA è necessario che vengano rispettati determinati requisiti ovvero che:

A – Si tratta di campioni distribuiti gratuitamente

Come primo requisito viene richiesto che la cessione dei campioni sia gratuita, quindi effettuata in assenza di corrispettivo, né in denaro né in natura e come detto che si tratti di prodotti oggetto dell’attività dell’impresa ceduti allo scopo di promuovere i medesimi beni, per migliorarne la conoscenza e favorirne la vendita e la diffusione presso gli utilizzatori finali, attuali e potenziali.

B – I campioni siano appositamente contrassegnati

Per quanto riguarda il secondo requisito è necessario che i campioni distribuiti gratuitamente siano contrassegnati in maniera indelebile, sia per evitare che possano essere successivamente commercializzati sia per impedire che si possano verificare manovre distorsive della concorrenza.

Su tale aspetto l’Agenzia delle entrate nella Risoluzione 83/E/2003 ha precisato che il contrassegno non può essere rappresentato da una semplice etichetta autoadesiva con la dicitura “campione gratuito” ma può essere apposto mediante lacerazione, perforazione, marcatura indelebile e visibile o qualsiasi altro procedimento idoneo, senza che tale operazione possa avere l’effetto di privare gli articoli medesimi della qualità di campioni.

Nel caso in cui non sia possibile apporre il contrassegno sul campione i beni possono essere racchiusi in involucri sigillati portanti la dicitura “campioni gratuiti”.

C –  I beni ceduti gratuitamente devono essere di modico valore.

Non vi è una disposizione normativa che definisca il concetto di “modico valore”, pertanto è necessario fare riferimento ad alcuni documenti di prassi con cui l’Agenzia delle Entrate si è espressa su tale aspetto.

Nella Risoluzione n. 430288/1991, è stato ad esempio precisato che, “nella pratica applicazione, si deve farsi riferimento agli usi commerciali, restando in ogni caso esclusi dall’agevolazione i beni di valore significativo”.

I campioni non devono essere necessariamente beni di dimensioni o di valore inferiori ai beni commercializzati dall’impresa, ma possono essere anche degli esemplari di detti beni; ad esempio come precisato nella Risoluzione n. 381445/1980 sono stati considerati campioni gratuiti e dunque esclusi dal campo di applicazione dell’IVA i dischi e nastri registrati aventi la dicitura “campione gratuito” apposta rispettivamente in un angolo della busta del disco a mezzo di un timbro a perforazione, ovvero sull’involucro in plastica a mezzo di un timbro di inchiostro indelebile.

Inoltre, nella Risoluzione n. 360021/1980 è stata considerata fuori dal campo di applicazione dell’IVA la cessione gratuita di libri che recano in copertina, al posto del prezzo di vendita annotata a stampa, la dizione “il presente volume è destinato signori insegnati in esame per eventuale adozione, quale campione gratuito”.

Rispettati i requisiti richiesti, siamo dunque di fronte ad operazioni escluse dal campo di applicazione dell’IVA: ne consegue che non vi è alcun obbligo da parte del soggetto cedente di emettere fattura o altro documento comprovante la cessione.

Tuttavia al momento della consegna di tali beni e al fine di superare la presunzione di cessione è opportuno che venga emesso un documento di trasporto con causale “omaggio” o un documento analogo al fine di provare l’inerenza dell’acquisto e di provare l’effettiva consegna dei beni ed evitare quindi possibili contestazioni da parte dell’amministrazione finanziaria.

In alternativa può essere istituito un registro degli omaggi dove annotare la cessione di qualunque bene ceduto in omaggio.

Photo credit: Garry Knightcc.


Scarica e Prova Gratis Easyfatt - Il software di fatturazione più usato in Italia.



Luca Mambrin

Dottore Commercialista e Revisore contabile a Trieste, se mi avessero domandato ai tempi dell’università “cosa farai da grande” non avrei mai risposto “il dottore commercialista”: ed invece ...

Di' la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress
2 commenti su “La fattura per campioni gratuiti di modico valore e i requisiti per la non imponibilità IVA
  1. Mario scrive:

    Salve,

    Ho acquistato online degli integratori alimentari. Quando ho ricevuto tali prodotti ho trovato sulle confezioni la dicitura “campione gratuito non vendibile”. Siccome l’ho pagato a prezzo di mercato che cosa si dovrebbe fare in questo caso?

    Grazie in anticipo, un saluto

    Mario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *