Condomino Moroso: solvibilità e recupero crediti

Solvibilità del condomino moroso e recupero crediti: l’uso del report patrimoniale VerifiKa-Cheope

Vediamo come leggere nel modo corretto il report patrimoniale fornito da VerifiKa-Cheope, in caso di condomino moroso, per procedere al recupero delle somme da esso dovute

Nel precedente articolo dedicato alla solvibilità del condomino moroso abbiamo parlato dei vantaggi per l’amministratore di condomino nel richiedere un report patrimoniale VerifiKa-Cheope tramite il servizio integrato offerto dal gestionale Danea Domustudio.

Una volta ottenuto il documento, l’amministratore di condominio può condurre tutta una serie di azioni, volte allo scopo di facilitare il recupero delle somme dovute. Vediamo quindi come interpretare le informazioni contenute nel documento e come utilizzarle al meglio.

Innanzitutto ricordiamo che il report patrimoniale è uno strumento realizzato in modo mirato e sulla base di informazioni acquisite al momento della richiesta. Lo scopo consiste nel rilevare redditi, beni mobili ed immobili riconducibili alla proprietà del debitore.

Il report viene a personalizzato in funzione del profilo giuridico del debitore. Le informazioni acquisite variano infatti a seconda si tratti di un debitore in veste di società di capitali o società di persone, oppure sia una persona fisica.

break-voice

Nel caso di Società di Capitali

Nel caso delle società di capitali, premesso che amministratori e soci non rispondono personalmente delle obbligazioni aziendali, assume rilevanza lo stato operativo in cui versa l’impresa, ovvero se sottoposta a procedure concorsuali o meno.

Da considerare se ha già subito pignoramenti immobiliari (anche a carico degli esponenti) o gravi insolvenze, se è effettivamente e commercialmente operante e se possiede beni aggredibili, quali immobili o automezzi ad essa direttamente intestati. Vengono poi acquisite informazioni sull’esistenza di rapporti di credito attivi, nonché tutti i dati economico finanziari provenienti dai bilanci aziendali.

break-voice

Nel caso di Società di Persone

Nel caso in cui il debitore sia rappresentato da una società di persone oltre agli elementi sopra indicati, le analisi vengono estese anche ai soci amministratori che rispondono in proprio delle obbligazioni aziendali.

break-voice

Nel caso di Persone Fisiche

Infine nei Report Persone Fisiche il report indaga soprattutto sul reddito personale (quindi titolarità e dettagli del rapporto lavorativo in essere e/o della pensione percepita) e sui dettagli delle giacenze e delle disponibilità presso il sistema di credito; oltre che naturalmente su immobili e automezzi quote societarie ecc.

Sono questi gli elementi, che, se positivi, possono essere principalmente utilizzati per l’azione esecutiva; tali informazioni sono riscontrabili nel report consultando le apposite sezioni, inoltre la situazione generale del debitore viene rappresentata nella sezione iniziale ove l’analista illustra la situazione operativa, finanziaria e patrimoniale indicando la linea di azione più opportuna.

break-voice

Probabilità di recupero del credito

Nella sezione, che si trova nella prima pagina del rapporto, “Probabilità di recupero del credito” viene indicata la capacità di rimborso del credito, desunta in funzione della stima dei beni reperiti. Si tratta di una valutazione orientativa che non deve essere interpretata come garanzia di risultato, ma che rappresenta un elemento di valutazione importante per decidere o meno sull’avviamento delle azioni giudiziarie ed esecutive.

E’ da tenere ben presente come lo scopo principale sia quello di recuperare le somme arretrate e la nostra esperienza insegna che in molti casi è sufficiente opporre al debitore la conoscenza, ottenuta tramite il report patrimoniale, dei beni posseduti per comporre il contenzioso e pianificare un rientro dell’importo contestato.

Questo perché il più delle volte non si tratta di incapacità di adempiere ai propri obblighi e il mostrare alla controparte che si è incominciata una procedura di recupero serve a convincere che si è raggiunto un punto di non ritorno oltre il quale c’è solo una procedura giudiziale che non lascia più margini al debitore.

break-voice

Azione giudiziale e scelta dei beni da aggredire

Qualora si dovesse procedere con l’azione giudiziale è importante considerare la totalità dei beni aggredibili (questo è infatti un altro dei valori aggiunti del Report Patrimoniale, che riassume in un unico documento il quadro patrimoniale del debitore) e poi scegliere quelli su cui il rapporto successo/impegno sia maggiore.

Non sempre infatti la scelta di aggredire il bene con il più alto valore (ad esempio un immobile) può risultare quella migliore. Questo perché vanno considerati i costi ed i tempi necessari per effettuare l’azione scelta (ad esempio il pignoramento immobiliare).

In genere è meglio privilegiare un’azione rapida, anche in considerazione dell’importo in questione che, trattandosi di un condomino moroso, non dovrebbero mai essere troppo elevate.

Considerando quindi lo scenario tipico (condomino moroso persona fisica e importo debitorio non elevato) e ipotizzando la disponibilità di tutti gli elementi recuperabili dal servizio VerifiKa, all’amministratore si offrono parecchie scelte; in genere è da privilegiare la rivalsa sui redditi della persona (quindi emolumenti e/o pensioni) attraverso il pignoramento del V dello stipendio (procedura ora più semplice da effettuare) seguita poi da una aggressione ai crediti disponibili (quali ad esempio quelli risultanti da una locazione immobiliare) o alle disponibilità liquide eventualmente presenti sul conto corrente del soggetto.

Il pignoramento dell’autoveicolo è un altro eccellente modo per mettere pressione al debitore e sicuramente è una azione più semplice ed economica del pignoramento immobiliare. Questa ultima d’altra parte è anche quella più onerosa e quindi andrebbe eseguita una volta che si sono esplorate (attraverso l’acquisizione delle informazioni) tutte le alternative possibili.

Da non dimenticare infine che è possibile poi, se esistono, pignorare anche le quote possedute da una persona (fisica o giuridica) in una società.

Photo credit: Richie Diesterheftcc


Scarica e Prova Gratis Domustudio



Scarica e prova gratis Domustudio
Danea

Sono nata nel 1995 da un'idea a due passi da Padova. Sono dinamica, entusiasta e adoro creare soluzioni semplici per problemi complessi. Sono sempre sul pezzo e sono molto pignola, tanto che mi dicono ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *