Fatturazione elettronica e Split payment: cosa cambia

Split payment e Fatturazione elettronica: che cosa cambia?

Cosa cambia per la fatturazione elettronica verso la pubblica amministrazione con l’entrata in vigore dello split payment? Tutti i dettagli…anche su come cambia Easyfatt!

Gli ultimi mesi sono stati portatori di molte novità per le imprese tutte. Ma, forse, le maggiori sono state proprio per quelle aziende che, lavorando più o meno continuativamente con la pubblica amministrazione, hanno dovuto allinearsi da giugno prima con la fatturazione elettronica (che dal prossimo 31 marzo si estenderà a tutta la PA, enti locali compresi) e oggi si trovano a doversi adattare allo Split Payment.

In molti ci avete chiesto chiarimenti sugli effetti e sui cambianti nella fatturazione elettronica con l’entrata in vigore dello split payment. Così abbiamo scelto di fare il punto della situazione.

NB: Lo Split Payment attualmente si applica sia alla fatturazione elettronica (che sarà obbligatoria verso tutta la PA dal 31 marzo 2015) sia alla fatturazione tradizionale verso la Pubblica Amministrazione.
Il presente articolo tratta nello specifico l’impatto dello split payment sulle fatture elettroniche verso la pubblica amministrazione.

break-voice

Lo Split Payment è in pratica un metodo particolare di assolvimento dell’Iva per le operazioni nei confronti della pubblica amministrazione vigente a partire dal primo gennaio.

Con lo split payment, per le fatture elettroniche emesse alla pubblica amministrazione dal 01/01/2015, il versamento dell’Iva (che resta comunque indicata in fattura) è a carico del cessionario/committente, quindi nel caso specifico è a carico della PA.

Al fornitore della pubblica amministrazione, che ha emesso la fattura elettronica, è dovuto un importo al netto dell’Iva, infatti sarà la PA a versare l’imposta all’Erario.

In pratica nella fatturazione elettronica, con l’applicazione dello split payment, non cambia quasi nulla. Semplicemente il “totale documento” differirà dal “totale dovuto” che chiaramente sarà inferiore dato che non includerà l’imposta sul valore aggiunto che resterà a carico del cessionario/committente ovvero la PA.

E’ bene ricordare che lo split payment va applicato solo alle prestazioni non soggette a ritenuta d’acconto. Quindi in tal caso l’assolvimento dell’IVA resterà in capo al fornitore e la pubblica amministrazione procederà al normale pagamento della fattura elettronica PA al lordo dell’imposta che sarà poi versata appunto dal fornitore.

Sono inoltre escluse dall’applicazione dello split payment le operazioni per le quali l’ente acquirente è debitore d’imposta, in quanto soggetto all’inversione contabile.

break-voice

Novità dal Decreto Legge del 23/01/2015 entrato in vigore il 3 febbraio

Il nuovissimo decreto legge ha aggiunto alcune specifiche in materia di split payment e fatturaPA, vediamo in breve quali sono le 2 novità principali:

  • lo split payment non si applica nei confronti di tutte le pubbliche amministrazioni bensì esclusivamente alle operazioni con gli enti pubblici tassativamente elencati nel nuovo articolo 17-ter del Dpr 633/72;

  • importante è l’obbligo per il fornitore di esporre in fattura la dicitura «scissione dei pagamenti»; le fatture devono comunque evidenziare l’Iva ed essere normalmente registrate, senza però concorrere alla liquidazione mensile.

PS per i clienti Danea Easyfatt

  • Easyfatt ha già implementato lo split payment e si è allineato perfettamente alle regole definite dalle normative.
  • Per quanto riguarda la fattura PA, Easyfatt ha già introdotto con l’ultimo update “19 gennaio 2015 – vers. 2015.30c” il nuovo formato FatturaPA 1.1 in vigore da febbraio 2015, quindi tutte le fatture esportate a partire dal 31/1 saranno nel nuovo formato.
  • Ieri (04 febbraio 2015) è stato inoltre pubblicato l’aggiornamento Easyfatt vers. 2015.30d che allinea il software alle novità sullo Split Payment introdotte dal DL del 23/01/2015. La disposizione è esecutiva dal 3/2/2015.

photo credit: Orin Zebest via photopin cc


Scarica e Prova Gratis Easyfatt - Il software di fatturazione più usato in Italia.



Partecipa al Seminario On-line Gratis!
Danea

Sono nata nel 1995 da un'idea a due passi da Padova. Sono dinamica, entusiasta e adoro creare soluzioni semplici per problemi complessi. Sono sempre sul pezzo e sono molto pignola, tanto che mi dicono ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *