SCOPRI I NOSTRI GESTIONALI

Passare da dipendente a partita IVA: 5 consigli per gestire la transizione e mettersi in proprio

Mettersi in proprio da dipendente a partita IVA, dritte per la transizione

Una volta presa la decisione di mettersi in proprio è fondamentale iniziare da subito con la gestione delle fasi del passaggio

 

Come affrontare la transizione da dipendente a partita IVA (libero professionista o imprenditore) quando si decide di lasciare lavoro a tempo indeterminato per mettersi in proprio?

Ecco una serie di consigli da seguire per abbracciare il passaggio all’indipendenza professionale.

#1- Conoscere in modo dettagliato le condizioni del proprio contratto

Prima di abbandonare l’azienda in cui si è dipendenti per iniziare a lavorare in proprio, bisogna conoscere in modo dettagliato le condizioni del proprio contratto: in esse potrebbero ad esempio essere presenti clausole di non concorrenza che impediscono di acquisire i clienti della vecchia impresa o altri vincoli di non concorrenza.

Verificare l’esistenza di simili condizioni è estremamente importante, perché evita di farsi immischiare in situazioni spiacevoli che potrebbero sfociare in cause legali proprio nel momento in cui ci si deve concentrare sull’avvio del nuovo business.

Leggi anche Quanto farsi pagare da freelance

#2- Impegnarsi al massimo nelle mansioni fino all’ultimo giorno di lavoro

Anche se si è ormai prossimi a lasciare il proprio posto fisso, bisogna comunque impegnarsi al massimo nelle mansioni da svolgere fino a licenziamento compiuto. Rispettare le scadenze, arrivare puntuali alle riunioni e mantenere alto l’entusiasmo è importante. Al contrario rischiamo di danneggiare la propria reputazione e quella della realtà nascente.

Il consiglio è quindi quello di onorare il proprio lavoro, per poi dedicare il tempo libero allo sviluppo della propria idea imprenditoriale.

#3- Imporsi una disciplina

Prima di lasciare il posto fisso per abbracciare l’indipendenza professionale, è necessario imparare a imporsi una certa disciplina, che consenta di svolgere due attività contemporaneamente. Se il lavoro dipendente ci occupa dal lunedì al venerdì durante il giorno, possiamo e dobbiamo sfruttare la prima mattina, la sera e i weekend per la preparazione del lancio della nuova attività.

Per riuscire in questo è però necessario stabilire e rispettare un programma preciso. Certo non tutti sono in grado di autogestirsi al meglio, ma fare pratica prima di licenziarsi consente di capire in anticipo se si è adatti a passare dall’avere un titolare che detta le regole a essere il titolare di se stessi.

Scopri i migliori libri per imprenditori

#4- Gestire la nuova impresa come un’attività effettiva e legittima

Quando ci si sta organizzando per mettersi in proprio e nonostante (in un certo frangente) si lavori per due realtà in contemporanea, si deve gestire la nuova impresa come un’attività imprenditoriale a pieno titolo. In che senso? I guadagni iniziano ad arrivare anche dal neonato business?

Allora è giunto il momento di prendersi tutte le responsabilità del caso, imparando a organizzare le proprie finanze, fare preventivi, emettere fatture, regolarizzando il reddito, pagando le tasse, ecc. Un buon suggerimento da mettere in pratica è sicuramente quello di affidarsi a un consulente fiscale o a un commercialista, che ci darà indicazioni su come investire sul nostro business, su come procedere per ridurre le spese e su come mantenere i conti in ordine.

Scopri le agevolazioni fiscali con la lettura dell’approfondimento “regime forfettario tassazione

#5- Stabilire quando dedicarsi completamente al nuovo business

Prima di iniziare stabilmente a lavorare in proprio, è doveroso accertarsi che la nuova attività renda a sufficienza per soddisfare le normali necessità. Occuparsi di trovare clienti ed essere sicuri che dagli stessi provengano buone fonti di guadagno è la prima cosa da fare per evitare un rapido tracollo finanziario.

Leggi anche: Dipendente e partita Iva: si può fare? I casi e le differenze tra dipendenti pubblici e privati

Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...