Nuovo Regime Forfettario 2016

Nuovo Regime forfettario 2016 (detto anche regime dei minimi 2016): la guida aggiornata Danea al regime fiscale agevolato

La guida Danea al nuovo Regime Forfettario 2016: requisiti per l’accesso, semplificazioni fiscali, calcolo di reddito e imposta, agevolazioni startup..ecc

Clicca per scaricare il PDF

Dal 1 gennaio 2016 per le persone fisiche che intendono avviare un’ attività sia come imprenditori individuali sia come professionisti l’unico regime fiscale agevolato in vigore a cui poter accedere è il nuovo regime forfettario 2016 da molti ancora soprannominato regime dei minimi 2016, introdotto e disciplinato dalla Legge n. 190/2014 e recentemente modificato dalla Legge di Stabilità 2016 (Legge n. 208/2015).

Il regime forfettario è un regime naturale che può essere applicato non solo ai contribuenti che intendono avviare una nuova attività (start up), ma anche ai soggetti già in attività, previo il rispetto dei requisiti richiesti dalla norma.

break-voice

Regime dei Minimi: cosa accade nel 2016

A decorrere dal 1 gennaio 2016 poi il vecchio regime dei minimi è stato definitivamente soppresso; tuttavia coloro che, avendone i requisiti, hanno aderito negli anni scorsi al regime dei minimi possono continuare ad applicarlo in via transitoria e fino alla scadenza naturale (il completamento del quinquennio e fino al compimento del trentacinquesimo anno di età), fermo restando la possibilità di scegliere l’applicazione del nuovo regime forfettario, valutandone l’eventuale convenienza.

break-voice

Nuovo Regime Forfettario 2016: le novità principali

Come preannunciato la Legge di Stabilità 2016 è intervenuta apportando alcune modifiche al regime forfettario, ampliando di fatto la platea dei contribuenti che possono aver accesso al regime agevolato.

Si elencano le principali novità in vigore da quest’anno grazie al nuovo regime forfettario 2016:

  • sono stati modificati i requisiti per l’accesso al regime forfettario (incrementate le soglie dei ricavi/compensi che consentono l’accesso al regime per tutti i vari settori di attività; abrogazione dei requisito di prevalenza del reddito di impresa/lavoro autonomo rispetto a quello di lavoro dipendente/assimilato);
  • è stata introdotta una nuova causa di esclusione dal regime, ovvero l’aver conseguito nell’anno precedente redditi di lavoro dipendente o assimilato, compresi redditi da pensione eccedenti euro 30.000 (salvo che il rapporto non sia cessato);
  • cambiano le agevolazioni riguardo i contribuenti “start up”, ovvero coloro che intraprendono una nuova attività optando per il regime forfettario, possono beneficiare di una riduzione dell’aliquota dell’imposta sostitutiva (dal 15% al 5%), rispetto all’agevolazione prevista per il 2015 che consisteva nella riduzione di un terzo del reddito imponibile;
  • per quanto riguarda il regime previdenziale applicabile ai soggetti che adottano il regime forfettario si prevede la riduzione del 35% della contribuzione; in precedenza l’agevolazione consisteva nella non applicazione del minimale contributivo per i soggetti iscritti alla gestione artigiani commercianti.

break-voice

La guida Danea al Nuovo Regime Forfettario 2016 (aggiornata)

Danea ha da poco redatto una nuova guida al regime forfettario aggiornata. Ecco l’indice della nuova guida al Regime Forfettario 2016 che analizza nel dettaglio le novità ed approfondisce tutti gli aspetti normativi ed operativi del nuovo regime agevolato:


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Luca Mambrin

Dottore Commercialista e Revisore contabile a Trieste, se mi avessero domandato ai tempi dell’università “cosa farai da grande” non avrei mai risposto “il dottore commercialista”: ed invece ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *