Nota spese per rimborso taxi

Come fare una nota spese perfetta e non mancare il rimborso

Consigli e suggerimenti utili per redigere una nota spese corretta

Che tu sia dipendente o lavoratore autonomo, forse ti sarà già capitato di inviare all’azienda con cui collabori la cosiddetta nota spese: quella domanda di rimborso dei costi sostenuti ad esempio durante trasferte, presentabile, previo accordo tra le parti, quando non è previsto un risarcimento forfettario.

Se l’impresa richiedente il documento non offre modelli standard da compilare con software interni, puoi limitarti a produrre dei file redatti con editor di testo come Word o con programmi tipo Excel, da consegnare al tuo datore di lavoro nelle tempistiche stabilite. Ma quali sono i dati da inserire se non hai a disposizione un modulo di riferimento preciso? Cerchiamo di elencare tutte le informazioni necessarie a realizzare una nota spese perfetta nella forma e nei contenuti:

  • riferimenti aziendali: ragione sociale ed indirizzo dell’attività a cui chiedi il rimborso;

  • dati anagrafici del lavoratore: nome, cognome e tipo di collaborazione svolta;

  • data e luogo: periodo (da-a) e città della trasferta;

  • natura-entità della spesa: elenco di tutti i costi sostenuti per vitto, alloggio e spostamenti vari (in macchina, aereo, treno, mezzi pubblici, ecc.);

  • eventuali annotazioni: note e chiarimenti ulteriori.

Quando produci un documento del genere, è obbligatorio allegare scontrini e ricevute che giustifichino la tua richiesta senza possibilità di replica ma, se sussistono costi non documentabili tipo mance e parcheggi, ti consigliamo di aggiungere un’auto-dichiarazione a fondo nota e delle brevi descrizioni esplicative accanto alle voci corrispondenti.

Ricorda inoltre che, per quanto riguarda il risarcimento degli spostamenti, tutto dipende dal mezzo di trasporto utilizzato: se, per esempio, scegli treno o aereo, ti basta consegnare la ricevuta dei biglietti acquistati, mentre, se adoperi la tua vettura, puoi calcolare i costi complessivi sulla base delle tariffe chilometriche disponibili nel sito dell’Aci.

Ecco i nostri pratici consigli che ti permetteranno di realizzare la nota spese perfetta: suggerimenti efficaci da seguire alla lettera per farti restituire dall’azienda per cui lavori tutti i rimborsi che ti spettano di diritto!

Leggi anche: Rimborsi spese: la guida Danea alla varie forme di rimborso e ai trattamenti fiscali

photo credit: danichro via photopin cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Numilia Business
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *