Nuove idee imprenditoriali: 6 strade per capire se funzioneranno!

Nuove idee imprenditoriali: 6 strade creative per capire se funzioneranno e avranno successo

Campagne online, parere di amici ed esperti del settore sono solo alcuni degli interventi che possono aiutare a capire se vale la pena sviluppare una nuova idea imprenditoriale. Vediamo nel dettaglio come valutare nel modo corretto le idee per nuove attività

Come sapere se certe idee di business funzioneranno o meno? Ecco 6 utili strategie da mettere in pratica per capire quanto vincenti siano le proprie intuizioni commerciali: soluzioni tanto semplici quanto efficaci su cui basarsi per avviare aziende di successo.

break-voice

#1- Chiedere dei feedback a colleghi, mentori o consulenti

Quando si tratta di nuove idee imprenditoriali, la prima cosa da fare per non sprecare inutilmente tempo, energie e denaro, è quella di chiedere a colleghi, mentori o consulenti un parere sulla propria proposta.

A prescindere dal fatto che ci si rivolga al vicino di scrivania, piuttosto che ai professionisti presenti nel co-working in cui si lavora o a veri esperti del settore, poter ottenere dei feedback su un’intuizione commerciale aiuta a individuare l’effettivo valore della stessa. A detta della CEO di Media Moguls PR Blair Nastasi, richiedere una sorta di tutoraggio a chi ha già percorso una strada simile in passato, è essenziale perché consente di evitare gli errori e di schivare i pericoli.

break-voice

#2- Ascoltare anche l’opinione di amici e familiari

Come insegna la fondatrice di Kuhfs Amy Olson, quando si hanno idee per nuove attività, oltre ad ascoltare l’opinione di professionisti del settore, è anche opportuno sentire il parere di amici e familiari.

Secondo quanto raccontato dalla Olson, infatti, proprio i suggerimenti derivanti da queste stesse persone, l’hanno aiutata a rendere alcuni prodotti realizzati nella sua azienda perfettamente compatibili con le esigenze dei consumatori.

break-voice

#3- Testare la propria idea attraverso il crowdsourcing

Partendo dal presupposto il crowdsourcing mira a sviluppare un certo progetto mediante l’intervento collettivo di svariate persone esterne, risulta chiaro quanti benefici possa portare tale attività se svolta nella maniera corretta.

Basti, per esempio, considerare il caso Peter Friis (CEO di Essio) che, nel tentativo di testare la validità di un suo nuovo articolo, ha deciso di pubblicare degli annunci sul portale Craigslist e di pagare in contanti o in prodotti tutti coloro i quali si fossero resi disponibili a compilare un semplice sondaggio sul bene in questione. Inutile dire che le risposte ottenute sono state, oltre che incredibili a livello numerico, anche utilissime per comprendere cosa andasse migliorato: più di 100 persone si sono offerte per partecipare al test e circa la metà di queste hanno scelto di essere remunerate con ricariche del prodotto.

break-voice

#4- Fare campagne porta a porta

In alcuni casi, un buon sistema per promuovere nuove idee commerciali consiste nel fatto di dedicarsi alla realizzazione di campagne porta a porta. Questa soluzione serve soprattutto a chi intende lanciare business locali come negozi o ristoranti: scendere in strada e parlare con le persone per capire di cosa hanno bisogno, permette di individuare i bisogni comuni e di farsi ben volere dagli abitanti del posto.

Una strategia assolutamente efficace, suggerita anche da Katy Cassiano di Buffalo Gals Mercantile, che racconta quanto per lei sia stato importante adottare tale approccio quando ha deciso di aprire un bar: il fatto di creare un elenco di quesiti da porre alla popolazione e di rapportarsi alla stessa per ricevere le risposte, le ha consentito di capire cosa il quartiere desiderasse da un’attività come la sua e come porsi per soddisfare la domanda.

break-voice

#5- Diventare le cavie di se stessi

Chiunque crede di avere delle buone idee di business e vuole risparmiare denaro, può testarle direttamente su se stesso per vedere di persona quanto efficace è una certa proposta da inserire nel mercato. Questo il suggerimento dell’investigatrice privata Annalisa Berns, che (per qualche periodo) ha deciso di lavorare nel week-end e nelle ore serali per valutare l’utilità di una prestazione incentrata sulla ricerca di animali smarriti.

Tale esperimento le ha permesso, oltre che di mantenere la propria operatività durante l’orario standard (di giorno), anche di comprendere quanto effettivamente la popolazione necessitasse del suo nuovo servizio inizialmente finanziato da alcune donazioni, ma poi trasformato in una buona fonte di reddito.

break-voice

#6- Investire sugli annunci online a pagamento

Una buon suggerimento per testare certe idee imprenditoriali senza sprecare troppo tempo, è quello di investire dei soldi sulle campagne online a pagamento: come suggerito da Bryan Clayton di Green Pal, utilizzando Google AdWords o Facebook si può capire nel giro di pochi giorni se un business funziona o meno e a chi interessa davvero.

Grazie alle statistiche generabili tramite tali strumenti, si ottengono delle informazioni indispensabili legate, per esempio, al numero di utenti che cliccano sui vari annunci (potenziali clienti), all’età degli stessi, al loro sesso, ecc. Dati fondamentali che (con un piccolo dispendio di denaro) consentono agli imprenditori di sapere subito se la propria intuizione commerciale ha le qualità per sfondare.

Questi i nostri 6 consigli che aiutano a valutare in modo corretto le idee per nuove attività: valide soluzioni pensate apposta per capire in anticipo quali saranno le sorti di un certo progetto di business.

Photo credit: Chia Ying Yangcc


Scarica e Prova Gratis Easyfatt - Il software di fatturazione più usato in Italia.



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *