Scegliere nome azienda e prodotto

Come scegliere il nome della tua società o del tuo prodotto?

Suggerimenti e regole efficaci per scegliere il nome della tua azienda o del tuo prodotto o servizio

Se anche tu sei intenzionato ad avviare un’impresa o a lanciare nel mercato un nuovo prodotto, dopo aver definito fattori quali il settore di appartenenza e il target di utenti potenzialmente interessati, devi sicuramente scegliere il nome della tua azienda che identifichi alla perfezione la tua idea di business e quelli di un tuo prodotto o servizio. Come puoi procedere? Vediamolo insieme!

Partiamo subito dal presupposto che per individuare la denominazione di una realtà commerciale o di un certo articolo non esistono regole precise da seguire perché, trattandosi di una scelta estremamente soggettiva e variabile a seconda del singolo, qualcuno può apprezzarla ed altri meno.

Appurato questo, in fase di ideazione, devi comunque porti dei quesiti precisi, volti a permetterti di trovare il nome adatto in modo semplice, immediato e spontaneo. Un nome su misura che, oltre a trasmettere la filosofia del tuo bisiness, sappia anche rispecchiarlo e descriverlo al meglio. Per riuscirci senza problemi considera i seguenti punti:

Lunghezza complessiva

In linea di massima possiamo dire che una denominazione breve è più semplice da ricordare e particolarmente incisiva dal punto di vista dell’impatto sulla memoria del pubblico, mentre una denominazione lunga, anche se più difficile da tenere a mente, garantisce maggiore eleganza e prestigio. Cerca di trovare l’equilibrio tale che ti permetta di attirare l’attenzione, esprimendo al contempo il messaggio aziendale per farlo recepire e ricordare ad eventuali clienti.

Originale o comune

Mentre un nome comune è facile da rammentare e difficile da creare (perché frutto del legame tra parole di utilizzo frequente che, comunque, non devono sfociare nella banalità), un nome originale (derivando della fantasia ed essendo la fantasia sconfinata) è facile da creare, ma difficile da ricordare, soprattutto se l’unione delle diverse lettere porta come risultato un termine più o meno particolare. Ciò che ti serve è una denominazione ad effetto, che possa essere ricordata-pronunciata con estrema facilità anche da un pubblico completamente estraneo alla tematica in questione.

Rimando al settore

Alcune realtà come General Motors o Il Giornale presentano nel proprio nome un chiaro rimando al settore di appartenenza: nel primo caso la parola “Motors” (che in inglese significa motori) inserisce perfettamente l’azienda specializzata nella produzione di autoveicoli nel suo ambito principale. Cosa che avviene anche nel secondo caso, dove “Giornale” identifica con precisione la categoria di uno dei quotidiani nazionali diffusi in Italia. Certo molte imprese non seguono questa regola, come nel caso di Apple che, se non fosse famosa a livello globale, potrebbe tranquillamente sembrare una realtà agricola. Per scegliere nel modo corretto devi quindi trovare degli elementi identificativi che consentano ai potenziali clienti di comprendere-individuare al volo concetto, settore ed offerta.

Conforme al web

Oggi internet è certamente considerato come uno tra i canali più importanti in assoluto per chi avvia una nuova idea di business con l’obiettivo primario di farla conoscere-apprezzare da quante più persone possibile. Sotto questo punto di vista diventa dunque essenziale trovare un nome che possa anche corrispondere al dominio di un eventuale sito web, in cui descrivere l’azienda o il prodotto in questione. Evita quindi soluzioni troppo lunghe a favore di denominazioni medio-brevi o, addirittura, di semplici acronimi, che restano molto più impressi nella mente degli utenti.

Oltre a questo c’è anche da dire che quando ti trovi a scegliere il nome di un’azienda o di un prodotto da commercializzare, è importante valutare la sonorità e l’effetto prodotto dall’accostamento di determinate lettere-parole: che sensazione trasmettono unite l’una con l’altra? Considera, per esempio, che:

  • Parole terminanti per consonante invece che per vocale spesso suscitano serietà (Unicredit, Epson, Microsoft, ecc.).

  • Parole contenenti le consonanti “X” e “K” suscitano aggressività, rigidità, precisione (Nike, Volkswagen, Ikea, ecc.).

  • Parole contenenti la consonante “Z” suscitano aggressività e imponenza, ma anche eleganza (Zara, Zegna, ecc.).

  • Parole contenenti la consonante “L” posta vicina ad un’altra consonante suscitano ilarità e simpatia (Google, Apple, ecc.).

Tenendo in considerazione le indicazioni che ti abbiamo appena fornito, potrai individuare la strategia migliore, che ti permetterà di capire come scegliere il nome della tua azienda o di un prodotto in modo semplice ed immediato: uno studio su misura volto a trovare la denominazione perfetta per descrivere-diffondere la tua idea di business.

Altri suggerimenti utili su: Nome dell’azienda, la Guida alla creazione e selezione del nome della tua azienda

photo credit: mynameisharsha via photopin cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *