Produttività

Dritte per la produttività: 10 punti per lavorare meglio e sul serio

Come risultare davvero produttivi, nonostante le molteplici fonti di distrazione provenienti da web e strumenti digitali

Ti è mai capitato di svolgere molti compiti, ma tutti in modo approssimativo? Tranquillo, non sei l’unico! Per questo oggi vogliamo fornirti delle dritte sulla produttività che, probabilmente, ti aiuteranno a concentrarti, focalizzandoti sugli incarichi più importanti e, al contempo, trovando lo spazio necessario anche per quelli secondari.

Chi pratica una mansione di ufficio, deve spesso fare i conti con news più o meno scottanti, messaggi più o meno inerenti, e-mail più o meno corpose e telefonate più o meno insistenti. Queste le maggiori fonti di deconcentrazione a cui opporsi nel quotidiano e questi alcuni tra gli elementi da prendere in considerazione per diventare davvero produttivi.

Se è vero il detto che “chi ben comincia è a metà dell’opera” e che l’ordine mentale garantisce ordine su tutto, di seguito ti suggeriamo alcuni consigli che ti permetteranno di raggiungere ogni obiettivo con la massima semplicità:

  • Postazione: prima di tutto accertati di avere a disposizione una sedia comoda con schienale inclinato nel modo corretto, una scrivania spaziosa dell’altezza adeguata e, soprattutto, la giusta distanza dal monitor per evitare di appesantire la vista.

  • Briefing del buongiorno: inizia la tua mattinata con un riepilogo delle mansioni suddivise per rilevanza, distinguendo le operazioni fondamentali ed urgenti da quelle marginali, che possono essere sbrigate assieme in un frangente ridotto.

  • Count down: definisci subito cosa fare, entro che ora e cosa escludere, cercando di rispettare sempre una tabella di marcia mentale, che ti consenta di procedere per step precisi.

  • Agenda: segna con attenzione impegni, appuntamenti e scadenze in un diario da aggiornare spesso, inserendo nuovi punti e cancellando quelli conclusi per evitare di creare confusione.

  • Database delle idee: prendi la buona abitudine di annotare le intuizioni più brillanti che ti vengono in mente durante la giornata per sfruttarle al massimo nei momenti di maggiore creatività.

  • Piano di riserva: ipotizza e stabilisci in anticipo eventuali difficoltà da affrontare nei frangenti clou per risolverle nel modo appropriato, senza correre il rischio di perdere troppo tempo.

  • Musica: crea una playlist o sintonizzati sulla tua frequenza preferita per lavorare con un sottofondo piacevole e divertente, pronto a stimolarti, rendendoti quanto più produttivo possibile.

  • Telefonate, sms, mail: metti da parte la posta elettronica, il telefono fisso e il cellulare, considerandoli fonte di distrazione, soprattutto quando ti senti creativo, perché tutto può aspettare, meno che il fatidico “momento di ispirazione”.

  • Brevi break: la concentrazione del cervello umano non dura in eterno, quindi concediti ogni ora delle brevi pause, in cui bere un caffè (evitando di superare le due tazzine al giorno) o chiacchierare qualche minuto con i colleghi.

  • Pausa pranzo: ritagliati un frangente più lungo (di almeno un’ora, ma anche due non guastano) lontano dal pc, in cui mettere qualcosa sotto i denti e prendere una boccata d’aria per staccare la spina ed arrivare il pomeriggio carico al punto giusto.

Queste sono solo alcune semplici dritte per la produttività che possono rivelarsi molto utili a trasformarti da un robot multitasking (link Wiki esplicativo?) in grado di svolgere male tante operazioni diverse, ad un professionista organizzato che riesce a gestire con successo tutti gli incarichi della giornata.

E tu hai qualche segreto che ti aiuta a lavorare meglio? Scrivicelo tra i commenti!

 
photo credit: Chris Blakeley via photopin cc


Scarica Imprenditori e Imprese Vincenti



Iscriviti Gratis alla Newsletter di VOICE
Alice

Nasco a Milano nel 1985 e il primo ricordo di scuola è il quaderno coi temi d’italiano che ancora conservo. Frequento il liceo artistico a Padova, ma passo intere giornate a scrivere racconti sugli ...

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento:

  • Facebook
  • WordPress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *